Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version



 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 8 Concerto News System
 Editoriale/La mia Italia
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
Roberto Mahlab
Amministratore



2843 Inseriti
296 Gold
2448 Punti Rep.
Inserito - 27/02/2003 :  23:21:07  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Roberto Mahlab Invia un Messaggio Privato a Roberto Mahlab

Editoriale - Concerto News System - 27 Febbraio 2003

Stasera tornavo a casa in metropolitana e a una fermata del centro e' salita una ragazza.
Era in tuta mimetica, aveva una grande sacca verde e portava un basco. Sul cappello e sulla divisa c'era uno stemma :"Sfor Missione Bosnia - Esercito Italiano".
Mi sono avvicinato e le ho chiesto se tornava oppure era un partenza per la Bosnia. Mi ha risposto pronta ma sorpresa con un grande sorriso :"Sono in licenza".
Le ho detto :"Complimenti, grazie".
E' diventata rossa, molto rossa, doveva scendere, altrimenti le avrei chiesto una intervista per la Concerto News System, si mordeva le labbra per non abbandonarsi ad un sorriso grande, soddisfatto, una durezza apparente che non riusciva a nascondere il piacere per quelle parole di un suo concittadino grato e ammirato.
Con riconoscenza perche' ci difendi, perche' aiuti altri popoli, perche' contribuisci a far comprendere che nessuno e' diverso, coraggiosa ragazza Italiana.

Aiutare e non confrontarsi. Partire da se' e contemporaneamente partire fuori da se'.
La grande parte dell'Italia e la piccola parte ideologizzata.
La gran parte delle persone non si "confronta" ma, se ha il tempo e la possibilita' di farlo, si apre ed e' curiosa, solo una piccola parte che legge il mondo attraverso lo specchio dell'ideologia si confronta continuamente, con tutta la perdita che tale termine comporta ed e' un confronto distruttivo.

Ho conosciuto sia la piccola parte e conosco la grande parte.

Ho conosciuto la piccola parte che insegue, che apostrofa, nella realta' in mezzo ad una strada, nella virtualita' tramite uno schermo, in privato e in pubblico, ho conosciuto questa piccola realta' del paese che cerca il conflitto e il confronto e non l'incontro e si stupisce della reazione di fastidio che riceve da parte di chi ha voluto far sentire un diverso.

Ma ho conosciuto e conosco la grande Italia, la stragrande maggioranza che ideologa non e', quella che ha accolto nella persona di un monsignore vaticano i miei genitori in fuga dalle persecuzioni razziste antiebraiche, quella del comandante partigiano che quando gli raccontavo delle parole incaute della piccola parte ideologa mi diceva sorridendo che non era certo per loro che aveva liberato il paese, quella di uno sconosciuto che telefona da Catania per esprimere solidarieta' quando una sinagoga viene profanata da sedicenti locali combattenti antiisraeliani, quella dell'amico sempre al fianco, fratello che sa farmi sorridere perche' si pone sempre senza curarsi della sua sicurezza al mio fianco quando mi aggrediscono nella nebbiosa Milano, di chi sa parlare di ibischi nella lucente Pisa, quella della mutua nostalgia dalla colta Trieste, di chi mi aspetta nella tollerante Roma, del conoscente in affari che mi racconta per telefono dei disperati che ha salvato dalle acque al largo di Bari, che mi avvolge con l'accento della calda Napoli, che mi invita a passare le vacanze alle splendide Lipari, gli italiani che non cercano confronto e non considerano l'altro un diverso, quegli italiani con cui desidero scambiare, mai un confronto, sempre uno scambio, quegli italiani di cui sono diventato parte, perche' la penso come loro, non esiste il diverso nel desiderio di conoscenza.

E l'allontanarsi dall'avventura di avere conosciuto la piccola parte ideologa che insegue e pretende il confronto come se si vivesse in tempi e luoghi che non esistono, come se fosse cosi' possibile conoscersi, allontanarsi dalla sua gelosia e desiderio di possesso volando via come amata che non ricambia, e il gettarsi nel presente, riconoscendosi, tra le braccia della grande e maggioritaria meravigliosa Italia che non cerca confronti, ma mutua curiosita' come pari esseri umani. Questa e' l'Italia a cui i miei genitori hanno detto grazie e questa e' l'Italia in cui con gioia e fierezza mi riconosco, questa e' l'Italia che assicura la strada della liberta' e della sicurezza, l'Italia che non si crea questioni di accettazione di chi non e' se'.

La mia Italia, l'Italia di molti.

Roberto


   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Lega Italiana per i Diritti dell'Uomo
Tema Incorniciato Ago thriller
Tema Incorniciato L'alambicco dell'alchimista 
Tema Smentita
Tema Un pensiero per i nostri italiani
Tema I corrispondenti/Riccardo
Tema Incorniciato Where have all the chamois gone 
Tema Un tranquillo 25 aprile
Tema Milano, domenica 2 maggio 2004
Tema Mail box surprise
Tema Incorniciato L'uomo e il ragno 
Tema Milano, domenica 9 maggio 2004
Tema Incorniciato Segmenti 
Tema La guerra al terrorismo - anno terzo 
Tema Alice , nuova iscritta
Tema L'ora di "CONCERTO"
Tema La pace dei cuori
Tema Concertiade (Troy)
Tema Incorniciato Grazie amico 
Tema Incorniciato Il mutante zelante 
-----------------------------------------
Vai a:

Pagina Caricata in :1,98
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2021 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page