Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version

Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"
'

'
' '
 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 25 Concerto di Bimbi
 I bambini e il lavoro
Condividi
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
Elena Fiorentini
Curatore


Italy
5099 Inseriti
551 Gold
5196 Punti Rep.
Inserito - 12/05/2004 :  23:29:25  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Elena Fiorentini  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Elena Fiorentini
In questi giorni a Firenze è in corso un convegno indetto da sindacati e organizzazioni umanitarie di grande prestigio si sta occupando del lavoro dei bambini nel mondo.
Sul nostro pianeta si sono calcolati circa 246 milioni bambini vittime dello sfruttamento del lavoro.
Bambini dai 4 ai 14 anni, ridotti in schiavitù, spesso venduti dagli stessi genitori: bambini di quattro anni cominciano a lavorare i tappeti.
Centoventi paesi hanno firmato un convenzione per eliminare o ridurre drasticamene il lavoro minorile nei loro paese entro il 2005.

In italia la scuola dell'obbligo durava fin verso i 12 anni nella storia che sto per raccontarvi, ma Carlino ha smesso al termine della quinta elementare.

- 1 -

Il garzoncino a bottega

Cantù,20 maggio 1926

Carlino, ragazzino di 10 anni, esce di corsa da scuola.
La cassetta di legno gli sbatte sui fianchi, ma non gli fa male.
Corre a casa e mangia svelto un boccone, una merendina o un sorso di latte. Non riesce a terminare che viene sollecitato a sbrigarsi:

"Su, Carlino, porta via i buscaj"

C'è molto da fare a bottega.
Bisogna sgomberare i trucioli, raddrizzare i chiodi, riscaldare la colla.C'è da raschiare con la carta vetrata o l'asprella e molte cose ancora, ma a misura di bambino, purchè stia lontano dagli oggetti pericolosi, e in un mobilificio ce n'è tanti.
Di tutte le attività la preferita di Carlo è quella di raddrizzare i chiodi.
Pesta sui vecchi chiodi contorti ed uncinati da recuperare, nulla va buttato.
Picchia e pesta con tanto entusiasmo che dà una pestata anche alla dita. Guaisce come un cagnolino, offeso dal tradimento del martello.
I garzoni, più esperti, ridono:

" Non te lo ricordavi che le dita sono le tue, non te lo ricordavi, vero?"

Corre fuori di corsa, ficca le mani nell'acqua fresca per avere un po' di sollievo.

In un angolo della bottega, sopra un bancone per il momento in disuso,prepara i compiti per il giorno dopo.Poi finalmente si può riposare e si diverte a guardare il lavoro degli operai.
La sua ammirazione va soprattutto all'intagliatore che da un pezzo di legno ricava fiori, bambini, fregi fantasiosi per ornare i mobili.
E' bello anche vedere assemblare un mobile,dopo che tutte le parti sono state costruite.
Carlino è un ragazzo in gamba,molto puntiglioso, ha già in mente il suo futuro:desidera avere una bottega tutta sua e per quello si sta dando molto da fare.
Alla sera e alla domenica, quando la scuola e la bottega sono chiuse, si reca alla scuola di disegno.
Dai primi semplici progetti dovrà imparare ad intagliare coi modelli dell'architetto. Ha una grande passione per il disegno e per l'intaglio il nostro Carlo.

All'età di undici anni, al termine della scuola elementare, potrà finalmente entrare a far parte della bottega in modo ufficiale, anche se il banco e gli attrezzi sono ancor troppo grandi per lui, che è ancora un bimbo.

Ha ancora molte cose da imparare: deve saper a maneggiare come si deve il martello, la sega, la pialla, il succhiello, la morsa.
dovrà anche intendersi di colle, resine e vernici che serviranno a rifine il lavoro.

Passano gli anni: Carlino diventerà un abile artigiano,i suoi oggetti artisticamente intagliati sono ammirati e ricercati dai negozianti, che li metteranno in vendita come articoli pregiati.
Carlino farà parte di quella grande schiera di artigiani che continuano ancora ad esistere in Brianza, precisamente in quella zona che sta fra Monza e Como e che ha centro a Cantù, la cittadina divenuta capitale del mobile e conosciuta in tutto il mondo.

Bancone da lavoro
dal museo etnografico
del falegname
Tino Sana
di
Almenno San Bartolomeo ( Bergamo)

Edited by - Elena Fiorentini on 21/05/2004 09:38:42

Elena Fiorentini
Curatore


Italy
5099 Inseriti
551 Gold
5196 Punti Rep.
Inserito - 13/05/2004 :  15:08:13  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Elena Fiorentini  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Elena Fiorentini
Dal 10 al 12 maggio è in corso a Firenze, sotto il patronato del Presidente della Repubblica, il primo congresso mondiale sullo sfruttamento a tempo pieno di 246 milioni di bambini nel mondo ("Children World Congress on Child Labour").
Bambini derubati della loro innocenza, impiegati in lavorazioni pericolose con materiali nocivi per la salute in ambienti fatiscenti.

dott. Bortolin , assistente del Sindaco di Milano Gabriele Albertini.

Vai a Inizio Pagina

smemorina46
Senatore


Italy
260 Inseriti
102 Gold
265 Punti Rep.
Inserito - 13/05/2004 :  15:18:08  Mostra Profilo  Visita la Homepage di smemorina46  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a smemorina46
Argomento triste e sconvolgente. Realtà terribile ancora per tanti piccoli innocenti destinati a crescere troppo velocemente.Che dire? Il mio cuore è triste.

Vai a Inizio Pagina

smemorina46
Senatore


Italy
260 Inseriti
102 Gold
265 Punti Rep.
Inserito - 13/05/2004 :  15:22:29  Mostra Profilo  Visita la Homepage di smemorina46  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a smemorina46
Infanzia ferita

Ma che ve devo dì? Nun so’ contenta
de vedè che quell’arma innocènte,
pesta la strada a marcia lenta, lenta,
co’ la mano protesa a quella gènte!
Viene certo da un posto lontano,
e tutto er giorno sta co’ quella mano,
tesa,verso l’occhi indifferenti,
de chi nun saprà mai che so’ gli stenti.
Nun conosce gli àggi,ne la gènte,
è triste, sporco, vestito malamente…
lo sguardo è serio.. er grùgno piccolino,
nascònne drento l’animo bambino.
La strada la carpesta giorno e notte
e si nun porta sordi lo riémpieno de botte!
Questa è la triste storia de tanti regazzini
tenuti come schiavi da terìbbili aguzzini.
Gnisuno che li ama..gnisuno li protegge…
feriti ner profònno da mille inzàne schegge.
Nun ce stà soluzziòne…nun ce stà la morale…
sortanto drento l’arme, profònno, grànne male.

Arma= anima

Vai a Inizio Pagina

ophelja
Curatore


Italy
2094 Inseriti
153 Gold
2109 Punti Rep.
Inserito - 13/05/2004 :  17:10:43  Mostra Profilo  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a ophelja
La ricamatrice

Sul lungo tavolo del laboratorio erano allineate le matassine di filo colorato.
Ogni ragazza era seduta su una sedia impagliata e attendeva al suo lavoro riempiendo di piccoli punti il disegno ricalcato con una matita copiativa dalla “Signora Maestra”.
Nessuno parlava. Ad un timido accenno di sorriso o di un discorso ripreso da una delle ragazze seguiva immediatamente il rimbrotto della signora.
“Non perdiamoci in chiacchiere, ragazze! Fine mese è vicina e siamo in gran ritardo.”
Fine mese…non certo per la paga.
Era quello il limite di tempo stabilito dalla Signora Giovanna Jezzi per riavere il corredo della figlia Olga che si sposava in giugno.
Metri e metri di lino, di delicati bissi, di seta, da ricamare per sontuosi lenzuoli, per asciugamani , per tovaglie, per biancheria intima.
Tutte le ragazze , circa una decina, erano coinvolte in quell’estenuante lavoro di precisione.
Anche Rosina, la figlia del fabbro. In casa erano in sette e i cinque bambini , compresa Rosina, dovevano adoperarsi per non essere di peso in una famiglia dove, un giorno si e l’altro pure, si doveva far i conti con le poche lire guadagnate dal padre.
Rosina aveva 8 anni e una treccia scura sulle spalle.
China sul suo lavoro, seguiva le istruzioni delle ricamatrici più anziane, e non si lamentava mai . Era pesante stare ferma tutto il giorno, sforzarsi gli occhi su quelle trame sottili…
“Ti piacerebbe pranzare ad un tavolo con questa tovaglia?” la stuzzicavano a volte le compagne.
Lei sorrideva e, senza alzare la testa bruna, rispondeva con un sogno negli occhi.

OpheljaVai a Inizio Pagina

   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema la gatta di Paolo e la mia Cavia Peruviana
Tema keren Kayemeth Le-Israel per S. Giuliano in Puglia
Tema eventi
Tema Il segreto di Susanna
Tema sicurezza nei parchi e caccia
Tema cineteca- il popolo migratore
Tema chi ha visto Titti?
Tema Incorniciato dialoghi...
Tema Melodie dell'avvento
Tema La notte dei titty volanti...
Tema l'unione delle comunità ebraiche per S. Giuliano
Tema Succede che mi sento cattiva
Tema ricambiato nick
Tema talento emergente, Stefano Ligoratti
Tema conoscersi
Tema liturgia ebraica e canto gregoriano
Tema anteprima di Alice. .e..commento...
Tema Alice da Mitarotonda
Tema AUGURI ANCHE DA NOI
Tema Bianco Natal.. e compleanno che si avvicina
-----------------------------------------
Condividi
Vai a:

Pagina Caricata in :5,04
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page