Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version
Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"
'


 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 7 Riflessioni
 Vita nell'universo?
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
Admin
Forum Admin


Italy
2396 Inseriti
623 Gold
3242 Punti Rep.
Inserito - 25/04/2003 :  14:28:57  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Admin  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Admin
Scrive Aquilone senza vento
------------------------------------------------
"Non so se lontano dalla Terra ci sia o no vita. Quello che so è che se non c'è tutto l'universo è un grande spreco di spazio..."

Rispondeva più o meno così il padre alla figlia che chiedeva se c'è vita nell'universo, nel film 'Contact'.

Secondo voi esiste vita nell'universo?
Ma per favore risparmiatevi le dimostrazioni strettamente scientifiche...

Risponde Elisabetta
--------------------------------------------------------
possiamo illuderci di essere gli unici? possiamo essere così pieni di noi stessi come umanità da credere di essere le uniche creature intelligenti o le uniche e basta dell'Universo? io credo che altre forme di vita forse diverse dalle nostre ci debbano essere... forse non nel nostro sistema solare... ma non è credibile il fatto di essere soli nell'universo intero!

elisabetta


Grazia
Curatore


Italy
781 Inseriti
109 Gold
796 Punti Rep.
Inserito - 26/04/2003 :  00:01:33  Mostra Profilo  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Grazia

In questo infinito Universo certamente ci sono altre vite, senz'altro diverse da noi, anche se non si è scoperto nulla di concreto, saranno lontanissimi da noi, ma di sicuro ci sono altre forme di vita, perchè sembra impossibile che siamo soli in questo infinito spazio, non penso sia stato creato solo per noi.

GrazyVai a Inizio Pagina

Beppe Andrianò
Amministratore


Italy
2290 Inseriti
285 Gold
1920 Punti Rep.
Inserito - 26/04/2003 :  00:45:16  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Beppe Andrianò  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Beppe Andrianò
Senza fare ragionamenti scientifici che altrimenti andiamo contro il postulato richiesto da chi ha lanciato questo tema..

Esiste la vita nell'universo? certamente si.. altrimenti TREWZK cosa veniva a scrivere le sue poesie su concerto?

Almeno posso dire con certezza che esiste la vita nel quadrante VII del segmento astrale che copre l'emisfero superiore della via lattea rispetto al teorico centro dell'universo.

Spero di non aver detto cose troppo scientifiche.

beppe


Beppe AndrianòVai a Inizio Pagina

lissa
Villeggiante


Italy
26 Inseriti
100 Gold
31 Punti Rep.
Inserito - 27/04/2003 :  17:49:33  Mostra Profilo  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a lissa
bè non ho mai voluto credere che siamo unici e soli nell'universo,mi è sempre piaciuto immaginare che qualcun altro viva in un posto diverso con delle idee diverse dalle mie.Ho sempre voluto crederci e continuerò a farlo...

Vai a Inizio Pagina

TREWX
Esploratore



5 Inseriti
100 Gold
10 Punti Rep.
Inserito - 28/04/2003 :  01:04:20  Mostra Profilo  Visita la Homepage di TREWX  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a TREWX
Certo che esiste la vita, insomma, ma allora io chi sarei? Sono Trewx, ricordate? Avevo scritto una poesia qui, era intitolata :"Tringlowa", narrava dell'armonia che riempie la mente quando gli occhi osservano un cielo stellato di notte e si chiedono per quale mai meraviglia esiste l'esistenza.

Sono precipitato sulla vostra isola lo scorso dicembre, fuggitivo dal mio pianeta, il mondo di Pling, io ero solo un poeta e il malvagio Sweqx mi inseguiva.

I vostri astronomi hanno spesso previsto la presenza di stelle e pianeti immensamente grandi considerando la curvatura dello spazio che indicava una massa gravitazionale, pochi hanno puntato i telescopi sull'immensamente piccolo, quella parte di spazio che esiste tra gli spazi, nel cosmo la misura di una linea e' diversa che sul vostro pianeta. Ci sono milioni di mondi in tale sfuggente dimensione.

Pling era un pianeta felice, non molto abitato, ma colmo di meraviglie naturali, io vinsi il premio al concorso poetico di quell'anno con la mia lirica :"Le bellezze di Pling". Quella sera a palazzo suonavano la trltpwsq, uno strumento il cui suono raccoglie i vostri pianoforte, violino e arpa. Il premio era un piccolo rubino scintillante e me lo stava consegnando una creatura da cui non potevo distogliere il mio sguardo, Lwedxraqh, vestiva una tunica chiara e lunga, i capelli, gli occhi e il viso e le mani sottili li ricordo come fosse qui, adesso.
C'era qualcosa di diverso da un semplice sorriso sulla sua bocca e io ero cosi' imbarazzato che per trarmi d'impaccio mormorai con tono quasi di scusa :"Io sono solo un poeta..." "E io ti ho letto e ho sentito che non mi importa che tu sia solo un poeta..."

L'ombra improvvisa apparve piu' cupa del buio della notte, come in sogno scesero le astronavi nel parco delle feste, la conquista del potere da parte del malvagio generale Sweqx fu banale nella sua semplicita', nessuno se lo aspettava, nessuno sospettava la sua invidia, la sua gelosia, la sua meschinita' d'animo. Sui monti molti dei piu' valorosi giovani del pianeta ingaggiarono la lotta al tiranno, ma il piano di Sweqx era perfettamente oliato e un popolo disabituato alla violenza non puo' resistere a lungo prima di capitolare.

Io volevo solo scrivere poesie e mi ritrovavo con una spada a raggi in mano, mai avevo fatto del male neppure al piu' piccolo insetto dei boschi di Rsperwq, mi sentivo davvero buffo in quella circostanza, pensavo che se la tirannia avesse stravolto il sereno pianeta che amavo, il mio posto non sarebbe piu' stato la', semplicemente, non pensavo potesse servire a qualche cosa lottare contro un esercito spietato. Ma ci sono momenti nella vita in cui e' la situazione a prendere il sopravvento sui nostri desideri e ci ritroviamo a prendere decisioni e a riflettere su azioni che irrompono in una nuova impensabile realta', come una doccia gelata, e chiudere gli occhi non ci protegge dall'acqua fredda che ci lambisce.

Ci stavamo ritirando verso lo spazioporto quando le milizie di Sweqx ci raggiunsero, i raggi delle armi illuminarono anche l'alba chiara e io colpii un anfratto di roccia che crollo', dandoci il tempo necessario per allontanarci. La fitta al fianco fu come una frustata, ma dovevo correre fino a che raggiunsi la caverna, luogo di incontro prestabilito con gli altri. Nella tunica, attorno al cuore, avevo la pergamena con il mio scritto, era come sentire il calore della voce di Lwedxraqh che mi batteva nel petto. Mi accasciai in un angolo d'ombra, scorsi l'ombra di lei riflessa nella fiammella del fuoco acceso per riscaldarci, mi accartocciai come volessi diventare tutt'uno con la parete, mi vergognavo che mi vedesse cosi'. Quando il suo viso fu vicino al mio e le sue mani si appoggiarono sul fianco ferito, riuscii solo a mormorare con tono di scusa :"Non sono un guerriero, sono solo un poeta...".

A nord della penisola di Plingswqkx, nota come :"la perla di Pling", sorgeva una catena di montagne e ai loro piedi un lago e in mezzo ad esso una piccolissima isola, vi si accedeva attraverso un ponte di travi di un materiale corrispondente al vostro legno, l'isola era ricoperta di alberi e al centro c'era una collinetta di solo prato. Attorno, le scure acque del lago, grigie come il colore del cielo in quei giorni, i cerchi perfetti che si allargavano dal punto in cui ogni goccia di pioggia toccava le acque sono tutto cio' che ricordo di quella notte, mentre giacevo in preda alla febbre, una presenza come seta mi accarezzava, il suo sfiorarmi la fronte con le labbra.
All'alba del giorno seguente i miei occhi rividero la luce e ancor di piu', il suo volto addormentato sul mio petto. Non c'era tempo, fu presto di nuovo notte e ci separammo, Lwedxraqh doveva riallacciare i contatti tra i diversi gruppi della resistenza sparsi su tutto il pianeta, io avrei dovuto spostarmi su una navicella e dirigermi nella foresta di Fwqptx, il piano che avevo escogitato prevedeva di attirarvi le truppe del tiranno, su un terreno che conoscevo bene perche' da bambino amavo raggiungere di nascosto, fu li' che appresi a scrivere poesia, tra quei sentieri che occhi non abituati non potevano neppure scorgere.

Staccarci fu difficile, :"prendi il mio cuore, la pergamena della mia lirica, sei tu", "No, dammene solo la meta' affinche' io sia parte di te, finche' ci ritroveremo". Mise la meta' che le diedi nello spazio dei seni, proprio sopra al cuore, sotto la veste. Corse via senza voltarsi. Io mi incamminai verso la navicella, un forte dolore alla nuca, un lampo e poi il nulla.
Mi risvegliai per svenire ancora, sotto i colpi freddi, precisi e furiosi degli aguzzini del tiranno, non sapevo se avevo piu' paura che mi uccidessero oppure piu' terrore che mi strappassero le informazioni sulla localizzazione dei gruppi della resistenza. Come un sacco mi gettarono su una astronave, non provavo piu' sensazioni, una luce ogni tanto, un ricordo lontano nel tempo il tocco di Lwedxraqh sul mio viso e sul mio corpo.

Un'esplosione e, sanguinante, con movimenti involontari avvertivo le mie membra trascinarsi fuori da un relitto di nave spaziale, non volevo piu' svegliarmi, era abbastanza, qualunque cosa mi stesse accadendo ancora. Un calore sul viso, un tuffo al mio cuore, la mano corse alla meta' della pergamena, ma non era il sapore di Lwedxraqh che mi scendeva in gola, era...tossii violentemente per riprendere respiro e udii una voce :"Se gli versi tutta quell'acqua in gola, affogherai il suo stomaco!". La mia schiena si piego' sotto le pacche rudi, ma il fiato ritorno'.
"Chi siete..." le mie dita si protesero al fianco, ma non trovarono alcuna arma... "Ehi, calma amico..." una seconda voce mi si rivolse dal lato "devi aver fatto proprio un lungo viaggio, ti porgiamo il benvenuto sull'isola di Concerto di Sogni, coraggio, salta sull'auto, dopo una bella dormita e un lauto pasto, ci racconterai".

Non sapevo piu' se ridere o piangere, ridere dei vostri simili che avevo attorno, o piangere per la stretta al cuore al pensiero di essere forse irrimediabilmente lontano dal mio mondo e dal mio amore. "Salve a te o straniero delle stelle, mi chiamo Bob Porter, che ne dici di una intervista esclusiva alla Concerto News System?" e mi mise un microfono addosso! E l'altro, un tipo dinoccolato che mi osservava e soppesava :"Interessante, mi ricordi la vicenda descritta da un mio collega, Steven Spielberg, io mi chiamo Quentin Robertino e ti paghero' un ingaggio miliardario per fare da protagonista al mio nuovo film, gia' vedo i titoli che campeggiano nei cinema di Concertwood...".

Guardai prima l'uno poi l'altro aggrottando le ciglia :"ma con tutti i pianeti della galassia disponibili.... ma non avete una specie di governo sul vostro mondo, a cui rivelare la mia vicenda?"
E cosi' Beppe e Roberto mi ascoltarono e mi nascosero, fino a stasera, vi siete chiesti se esiste la vita al di la' del vostro pianeta, presto vi dovrete chiedere se tutta la vita dell'universo che avete attorno vi coinvolgera', dovrete decidere che cosa fare quando il malvagio generale Sweqx verra' a prendermi, quando le lunghe ombre delle sue astronavi oscureranno il vostro sole.
Dovrete in un istante, proprio come capito' a me, trasportarvi da certezze consolidate a una doccia gelata, capirete che chiudere gli occhi non vi proteggera' dall'acqua fredda che vi lambisce.

Io non so che ne e' del mio pianeta, dove sia Lwedxraqh, catturata forse, forse peggio...
Mi avete ospitato e io vi ho donato la mie poesie, anzi, la meta' della mia lirica, l'altra meta' si trova attorno ad un altro cuore. A volte la vita ci fa' tremare e rabbrividire, ci scaglia in un mondo diverso, io ero nato per essere solo un poeta, rivedo i cerchi delle gocce di pioggia sulle acque buie del lago della "perla di Pling", ho nostalgia di quella notte, so che dovro' lottare per ritrovare quei momenti e so che se e quando rivedro' Lwedxraqh, qualcosa sara' cambiato dentro di noi, i nostri occhi avranno visto cio' che non eravamo nati per vedere, ma avremo appreso ancora di piu' a procedere fianco a fianco su strade parallele, il tempo per raccontare, per ricordare che non sono un guerriero, ma solo un poeta, infine arrivera'.

Trewx

Vai a Inizio Pagina

luisa camponesco
Curatore


Italy
1907 Inseriti
385 Gold
2262 Punti Rep.
Inserito - 28/04/2003 :  13:39:59  Mostra Profilo  Visita la Homepage di luisa camponesco  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a luisa camponesco
Avete visto il film Contact? Ebbene io penso che la vita esista in questa galassia o nelle altre infinite. Ci saranno anche universi paralleli?
chissà! probabilmente qualcuno ci osserva da lontano quando saremo pronti ci contatterà.Quando il sole collasserà l'umanità avrà colonizzato altri pianeti ed io........cavalcherò una cometa

Vai a Inizio Pagina

AlgisMortis
Esploratore


Italy
4 Inseriti
100 Gold
9 Punti Rep.
Inserito - 04/05/2003 :  12:09:24  Mostra Profilo  Visita la Homepage di AlgisMortis  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a AlgisMortis
Ho visto il film Contact, e sicuramente non posso escludere la possibilità di vita extraterrestre, visto che il sole non è sicuramente l'unica stella dell'universo, né il sistema solare l'unico tra i sistemi, né la Via Lattea l'unica galassia tra le altre infinite...

però quando penso a ipotetici contatti alieni i film che mi vengono in mente sono più sul genere di "Alien", "La Cosa", o "L'invasione degli ultracorpi" =P
solo pessimismo cosmico?

The Joy of Life has ceased in thee,
who long hast known this suffering strife
Then come along to rest with me,
cause Death is better now than Life.Vai a Inizio Pagina

Amorina
Senatore


Italy
232 Inseriti
100 Gold
237 Punti Rep.
Inserito - 04/05/2003 :  18:43:29  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Amorina  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Amorina
Beh mi sono sempre rifiutata di credere che noi terrestri fossimo gli unici.E questo al di la' di Roswell. Vorrei solo sapere,e sicuramente nn mi sara' dato saperlo,che aspetto hanno "gli altri".Saranno simili a noi? Ameranno? avranno pure loro il Pippo nazionale?E il Festival? Nn censuratemi vi prego ,c'e' il sole oggi,sono allegra

Vai a Inizio Pagina

Mina
Emerito


Italy
127 Inseriti
106 Gold
132 Punti Rep.
Inserito - 17/05/2003 :  15:06:02  Mostra Profilo  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Mina
.....qualunque sia l'aspetto esteriore degli "altri", sono sicura anch'io che esistano, spero solo che dei terrestri, abbiano tutti i lati positivi, e che abbiano smarrito i negativi durante l'evoluzione.....altrimenti sarebbe un incontro davvero catastrofico tra i due mondi!

Mina

Vai a Inizio Pagina

Elena Fiorentini
Curatore


Italy
5099 Inseriti
551 Gold
5196 Punti Rep.
Inserito - 18/05/2003 :  10:09:38  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Elena Fiorentini  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Elena Fiorentini
nano-nano TREWXS e benvenuto tra noi terrestri.
Ti raccomando, accettaci così come siamo,nel bene e nel male.
Pare che non ci si trovi tanto male, qui da noi,se creature viventi cominciano ad arrivare da fuori.

Hai conosciuto l'extra t. Mork, venuto molti anni fa sulla terra? Ho idea che possa essere ancora da qualche parte.

nano-nano

Vai a Inizio Pagina

Beppe Andrianò
Amministratore


Italy
2290 Inseriti
285 Gold
1920 Punti Rep.
Inserito - 18/05/2003 :  11:16:15  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Beppe Andrianò  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Beppe Andrianò
Io penso che il racconto epico delle vicende di TREWXS sia l'unica inconfutabile prova della vita nell'universo.. e dei valori comuni dello stesso.. noi diciamo sempre che poesie e racconti sono il linguaggio comune dell'animo umano.. io credo che a questo punto potremo dire che lo siano anche nell'animo unviersale e galattico.. le vicende d'amore raccontate da TREWXS non hanno nulla da invidiare ad una Eneide.. o ad un romantico dialogo tra un Romeo e una Giulietta.. quando da una parte all'altra dell'universo gli esseri potranno scambiare parole e pensieri l'arte subirà una delle piu' splendide contaminazioni culturali che si siano mai verificate... oltre ogni limite con poesia e racconto come ponti siderali..
Ciao,
beppe


Beppe AndrianòVai a Inizio Pagina

   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Bacheca
Tema Una poesia per Telethon 
Tema Attenti agli Hackari.... 
Tema Oroscopo e previsioni del tempo
Tema www.marcomasini.concertodisogni.com
Tema a Padova: Laboratorio di Teatro Danza
Tema Corso di Giornalismo
Tema On Air a Gorizia
Tema musicisti e laureati in Italia
Tema Concerto di Sogni : introduzione animata
Tema Patente a Punti: Telefona e scopri quanti ne hai
Tema Donnaweb: Conferenza Stampa
Tema Premio Lunezia per Autori di testo
Tema Sempre gli hacari..
Tema Le scuse di concertodisogni...
Tema Sono un nuovo iscritto
Tema Le parole piu' cercate del 2003
Tema Spot e Media nella prestigiosa Ipse.com
Tema Invenzioni ed e-voluzioni
Tema Classifica Shinystat: Letteratura
-----------------------------------------
Vai a:

Pagina Caricata in :11,41
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page