Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version
Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"



 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 7 Riflessioni
 una strana malattia
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
Giovanni
Viaggiatore


Italy
11 Inseriti
100 Gold
16 Punti Rep.
Inserito - 12/06/2003 :  11:32:21  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Giovanni  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Giovanni
"La letteratura è la principale manifestazione della malattia( giacchè
solo il malato pensa e scrive, il sano vive, come l'animale, senza pensarci)e nello stesso tempo ne è la cura, o almeno la diagnosi, poiché scrivendo se ne acquista coscienza."

Riflessione presa da "La coscienza di Zeno" (I.Svevo)

Se le parole riportate sono una fedele rappresentazione della realtà,
anche se ignari di farne parte, potremmo essere veramente malati?
Non mi estraneo dal mio stesso commento però, sarebbe curioso sentire cosa ne pensa qualcuno di voi a tal riguardo.
Non vi nascondo che io scrivo frequentemente sopratutto quando sono alla ricerca di risposte, interpello la mia stessa anima che forse, quando il corpo vive, sonnecchia...

giovanni

Grazia
Curatore


Italy
781 Inseriti
109 Gold
796 Punti Rep.
Inserito - 12/06/2003 :  20:16:55  Mostra Profilo  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Grazia
Io penso che il disagio, la sofferenza sia psichica che fisica, portino a conoscere aspetti di sè stessi che resterebbero ignoti a persone ritenute "sane".

Originalità, creatività, eccentricità, caratterizzano quelle personalità chiamate "geni".

Queste personalità si associano ad un alto rischio di sofferenza psichica con conseguenze, a volte, drammatiche, ricordiamo:
C.Pavese, E. Hemingway, V. Van Gogh e tanti altri che davano il meglio di sè stessi, proprio nei momenti più drammatici della loro vita.

Il grande filosofo Aristotele, diceva che "i melanconici, sono persone eccezionali, non per malattia ma per natura".
Quindi non è la malattia che li fa grandi ma è la loro grandezza che supera la malattia.

Anche il Petrarca soffriva di momenti depressivi e ammise che "non esiste alcun ingegno se non mescolato alla pazzia".

Anche noi, comuni mortali, scriviamo cose più belle e profonde nei momenti in cui soffriamo, ci sentiamo più ispirati, generalmente in occasioni particolari, penso capiti anche a te.

Ciao.

GrazyVai a Inizio Pagina

rosa blu
Curatore


Italy
266 Inseriti
107 Gold
281 Punti Rep.
Inserito - 13/06/2003 :  22:51:43  Mostra Profilo  Visita la Homepage di rosa blu  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a rosa blu
Fortunatamente, per ora, ce la faccio ad uscire dal "tunnel" dove entro ed esco...
La sofferenza fisica e psichica che mi accompagna da troppo tempo mi fa estraniare da tutto, dal mondo, persino dagli affetti.
Ci sono dei dolori che non riesco a superare, ritornare a gironzolare perennemente nella testa,
mi allontanano dal mondo in cui vivo, divento apatica e triste...
Gli avvenimenti della vita si sommano gli uni agli altri, per poi diventare giganti insormontabili.
Riesco sempre più faticosamente ad uscirne fuori.

Vai a Inizio Pagina

   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
 
 Nessun Tema...
 
-----------------------------------------
Vai a:

Pagina Caricata in :0,56
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page