Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version

Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"
'

'
' '
 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 4 Favole e Racconti / Tales - Galleria artistica
 MAGIA NATURALIS POEMA DEL MARE E DELLA TERRA
Condividi
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
Domenico De Ferraro
Emerito


Italy
121 Inseriti
102 Gold
126 Punti Rep.
Inserito - 17/05/2005 :  16:24:57  Mostra Profilo Invia un Messaggio Privato a Domenico De Ferraro
MAGIA NATURALIS
POEMA DEL MARE E DELLA TERRA

Moderni ditirambi corrono leggiadri sulle dune
della deserta spiaggia.
Nel mattino meditabondo scrutando
dentro se stessi in cerca d’un dialogo fiorito .
Il mare ruba la luce al giorno riflettendo
I raggi del sole sopra le sue acque .
L’unire il cielo all’infinito seguendo regole
universali anagrammi celesti segni d’un destino crudele
Dietro la porta dei marini santuari si cela
Il segreto d’un nuovo messaggio
Socchiudendo gli occhi e viaggiando con i miti
Verso lidi lontani avvolti dalla magia di luoghi incantati
Svanire per ritornare a vivere.
I sensi ingannano l’animo nei dolci suoni
Il mesto canto d’una dea persa tra i boschi sopra
ai monti gibbosi e brulli il desiderio di trovare la pace
la beltà d’una profana melodia.
La mano del fato agguanta il viandante a passo lento
Sul sentiero scosceso in groppa a d’un stanco destriero.
La miglior parte di noi e figlia dell’istinto non esistono
Regole per descrivere l’ossesso interiore nei righi
ove scriviamo i gai sentimenti fili d’una memoria
civica messa al bando dai circoli letterari della capitale .
La città mastica e ingoia, non butta via nulla tiene
Nascosti gli ossi corrosi sottoterra .
Dentro un pensiero perverso mostra i denti e lascia
preservare atroci agonie linguistiche
Non è colpa dell’insegnante ,o dell’ avido politico
Neppure dell’amministratore la colpa e da ricercare
Nella finzione creata di quell’atto unico per la festa del
Suo compleanno.
A nulla vale il gioco dei verbi arrabbiati ,la magia inganna
Ti dà l’illusione di mutare aspetto per poi apparire
Nuda a fianco d’un critico spettatore al finire del concerto.
Nel dolce rimembrare gesta e canzoni .
D’artisti e funamboli giocolieri di parole
Ammalia il senso d’una musica dispersa nell’aria
Soave nel meriggio mediterraneo quando la risacca
Lascia sulla sabbia l’immagine di lei amata
I giorni pigri i desideri i complici sorrisi d’una vita spesa
A raccogliere conchiglie e pietre colorate.
Ignorando il prezzo della sofferenza , il viso del controllore
Angelico . La politica del minestrone . Nulla diviene
Nel creato se non è stato amato . Difficile seguire modi
E maniere ritmi tribali . Zibaldoni africani.

Di questo percorrere le vie del gusto un po’ romantico
Un po’ retrò, curato aspetto. Agitate acque dell’inferno
Il cammino è breve ed è reso sofferto sul finire
Della sera. Per i quattro rioni popolari del paese delle fate
Vaga romito il mago delle stelle.
Paesi solitari adagiati sul fianco delle colline .
Selvaggia leggenda l’immagine riemerge e poi
Svanisce per i borghi e l’entroterra delle campagne
portando seco delitti e passioni ,filosofie e misteri
Vecchie idee appese al filo del buon senso
Alla cena nella casa sull’albero degli elfi si son
Riconciliati ed uniti in matrimonio una coppia di colombi.


Di questo antico filosofare sul filo della ragione
Strofe allegre e laici interrogativi generano nuove
Formule giuridiche .Momenti uguali eppur dissimili
Nel difendere l’ignaro destino della meditabonda bionda
La melodia dei suoni confusi ripresi nell’aria lirica
D’un orco canterino.

Figurando ed illustrando figure amene .
Anime legate a quel dolente fato retaggio d’una cultura
Contadina . Il diabolico perseverare di verso in verso fino
Alla fine . Signora delle muse assopita nel crepuscolo
Degli dei .

Di questo ragionar naturale gli occhi della vita
Sulla madre terra gravida e lussuriosa
copre silenziosa con il suo verde i mezzi colli.
Strade solitarie ove mai nessuno ha verseggiato .
Inni nati dall’ eco del caos della città .
Ed il pensiero fugge portando seco il dolore dell’essere etico.


Per valli e contrade la verità ferita geme .
Il mistero dell’universo racchiuso tra le fragili
sillabe dell’esistenza.
La luce acceca l’oscuro verbo romito tra i boschi
Pendenti sui dorsi dei monti rifugio dei volatili
Neri ideali piumati .Scappati via allo scoppio
Dei spari dei villici cacciatori d’ombre e fantasmi.
Lo spettro della civiltà triste vaga ubriaco
D’emozioni e piaceri figlio di geni ed eletti
Al suono delle campane bronze .Sulla piccola
Deserta piazza del paese passai pensoso
Le mie paure le mie preghiere segrete.
Senza voltarmi indietro svanii nel ventre
Della superba natura amata.


Il narrare per favole il destino, l’estinto sogno d’amore
lungo il sentiero dei nidi di ragno e delle cinciallegre
Mi riporta indietro nel tempo quando le mie umide
Parole si piegavano al vento di ponente
Solcando il mare aperto su quell’umile navicella
Ultimo canto tramonto d’un sogno nel primitivo
Magico mondo dell’ellade italica.



   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Incorniciato MAGIA NATURALIS POEMA DEL MARE E DELLA TERRA
Tema Incorniciato FIAMMELLE
Tema Incorniciato FIORI MISTICI
Tema Incorniciato BALLARO'
Tema Incorniciato SOGNO DI GIUGNO
Tema Incorniciato LANNY DUE DITA 
Tema Incorniciato DELL'ESSERE E DELLO SCRIVERE E ALTRI SOGNI
Tema Incorniciato FESTA D'ESTATE IN MEZZO AL MARE
Tema Incorniciato GELATI TUTTI GUSTI
Tema Incorniciato LA LAMPADA DELLA VITA
Tema Incorniciato POMERIGGIO MARINO
Tema Incorniciato FANTASIA
Tema Incorniciato L'UOMO DELLA LUNA
Tema Incorniciato FOGLIE MORTE
Tema Incorniciato LA PELLE NERA
Tema Incorniciato ERANO NEI SOGNI MIEI
Tema Incorniciato ERRANTI NOTE
Tema Incorniciato LA GUERRA DI PIERO
Tema Incorniciato CANTO PER LA FESTA D'OGNISSANTI
Tema Incorniciato LA PIPA CARAIBICA
-----------------------------------------
Condividi
Vai a:

Pagina Caricata in :5,21
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page