Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version



 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 4 Favole e Racconti / Tales - Galleria artistica
 L'uomo del ghiaccio (come eravamo)
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
luisa camponesco
Curatore


Italy
1907 Inseriti
385 Gold
2262 Punti Rep.
Inserito - 22/04/2003 :  13:27:02  Mostra Profilo  Visita la Homepage di luisa camponesco Invia un Messaggio Privato a luisa camponesco

L'uomo del ghiaccio

(come eravamo)

Quel giorno tornai a casa in fretta dalla scuola, salii i gradini a due a due, appena entrata in casa domandai:
-è arrivata?
-si l'abbiamo messa vicino alla credenza
Finalmente eccola lì, gettai i libri da qualche parte e mi sedetti sul pavimento per ammirarla.
Era un mobiletto senza troppe pretese, ma avrebbe cambiato la nostra vita, era la GHIACCIAIA.
mi accinsi ad esplorarla, era composta da due sportelli, uno più grande conteneva uno scomparto con vari ripiani e l'altro si apriva verso l'alto e doveva contenere il ghiaccio.
-quest'estate berremo bibite fresche -disse mio padre con un sorriso soddisfatto
-ma il ghiaccio?
-domani passerà il camioncino
Il giorno dopo ero pronta, la mamma aveva preparato i soldi, quanti erano? 10 lire? 20 lire? non ricordo, ma ero alla finestra ad aspettare.
GHIACCIOOOOO, DONNEEE GHIACCIO
-è arrivato - scesi di corsa dalle scale, avevo il grembiule annodato i vita e i soldi in mano.
Nel frattempo il vicolo si era animato di massaie e di bambini urlanti tutti si avvicinavano al camioncino.
L'uomo con un grosso gancio arpionava una lunga stecca di ghiaccio e con una accetta incominciava a ricavarne dei cubi regolari e a consegnarli nei grembiuli delle donne.
Ad ogni colpo di accetta miriadi di schegge volavano per aria formando un caleidoscopio di colori, i bambini più piccoli cercavano di afferrarle al volo per succhiarle e quelle che cadevano per terra formavano dei piccoli rivoli di acqua, intanto io con il ghiaccio nel grembiule (quanto pesava quel ghiaccio) rientravo in casa con la paura che si sciogliesse troppo presto.
Oggi sono qui, davanti al mio frigorifero a domandarmi:
-perchè fai tutto questo ghiaccio? Che faccio? Ti sbrino o non ti sbrino? Ma non sei autosbrinante?
-accidenti a te e al buco dell'ozono
Così mentre cerco il libretto delle istruzioni sorrido pensando a quei giorni lontani quando gli arcobaleni si spegnevano sulla strada.


Edited by - luisa camponesco on 01/01/2006 12:53:36

   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Incorniciato La seconda luna 
Tema Rieccomiiiiiiiiiiiiiiiii
Tema E' finitaaa
Tema Incorniciato La biblioteca
Tema Incorniciato Deserto
Tema Bilancio
Tema Mostre a Brescia
Tema Florida
Tema 5 Giugno
Tema Incorniciato Desiderio
Tema Sotto attacco....
Tema Incorniciato Una sera, un incontro
Tema Incorniciato Pioggia d'estate
Tema Incorniciato Condor
Tema Quella panchina vuota
Tema Incorniciato Diario
Tema Incorniciato Se...
Tema Felicità o infelicità?
Tema Incorniciato Nebbia 
Tema CIAOOOOOO
-----------------------------------------
Vai a:

Pagina Caricata in :4,92
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2021 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page