Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version
Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"



 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 4 Favole e Racconti / Tales - Galleria artistica
 IL SOGNO DEL RAGNO
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
Domenico De Ferraro
Emerito


Italy
126 Inseriti
102 Gold
131 Punti Rep.
Inserito - 13/09/2008 :  09:04:56  Mostra Profilo Invia un Messaggio Privato a Domenico De Ferraro
IL SOGNO DEL RAGNO


Volevo conquistare fama ed onore lo desideravo ardentemente
ma non ne fui capace così caddi in un nido di ragno dove
rimasi prigioniero nella sua tela per diverso tempo cercai disperatamente di fuggire provai a chiamare aiuto ma nessuno
mi rispose o accorse al mio richiamo.
Passato quel momento infausto dopo aver lottato con tutte le mie forze contro l’infausta sorte , dopo aver affrontato i ciclopi,
le arpie e i diversi incubi che tormentavano l’animo mio a notte tarda dopo che il ragno s’addormentò ai margini della tela
nel bozzolo di seta insieme ai suoi numerosi figlioli , vidi una lucciola volare nell’aria leggiadra ,brillare nel buio , emanava una luce intensa tale da illuminare ogni spazio circostante .
Provai a chiamarla gli dissi ti prego liberarmi da questa mia prigione recidi questi fili ed io te ne sarò grato .
Va bene farò quello che mi chiedi al patto
che tu una volta libero aiuti me.
Affare fatto. Dissi.
La lucciola mi guardò meravigliata quasi stupita di vedersi di fronte un uomo così piccolo prigioniero in quella tela di ragno .
Ma le mie grida e il dimenarmi in quella posizione fecero
svegliare il ragno che capito l’antifona incomincio a correre lesto sui lati della tela con al suo seguito tutti i suoi ragnetti , minacciosi ed affamati incominciarono a muoversi verso di me.
Mi sentii perduto pronto ad essere divorato da mille strane creature.
Chiusi cosi gli occhi ed attesi la fine sentivo il cuore battere forte la fine giungere inesorabile .
Poi sentii allentare i lacci che mi legavano credetti di morire di avere addosso l’intera famiglia di ragni , invece quando ebbi la forza di aprire gli occhi mi ritrovai tra le braccia della lucciola .
In realtà era una dolce fatina dai grandi occhi azzurri che mi guardò sorridendo , volando s’allontanò tenendomi tra le braccia mentre io a capo riverso stremato dalla paura e dalla fame balbettai grazie per avermi salvato.
Dopo aver volato non so quanto , aver lasciato quella orribile trappola guardai indietro, così vidi ignara prima che io fuggissi , cadere una mosca nella tela che fece da pasto all’intera famiglia , s’avventarono su di lei in cento e gli succhiarono la vita.
Ero felice d’essere scappato ad una fine così orrenda , avevo
gli occhi lucidi frastornato quasi incredulo d’avercela
fatta a superare quella mostruosa fine .
Ci allontanammo placidi in una brezza di vento che prese a soffiare tra le nubi che prendevano forma di eroi antichi, di volti familiari , di terre lontane.
Nubi illuminate dai raggi del sole che faceva capolino all’orizzonte
lasciavano scorgere una città incantata dalle grandi cupole
di cristallo che cangiavano colore accarezzati dalla luce riflessa , torri di metallo d’orato e tanto verde intorno non credevo ai miei occhi ,la fatina continuava a volare incurante delle mie perplessità . Così giungemmo nella terra delle fate.
Planammo verso terra dolcemente e mentre scendevamo
verso il basso io persi conoscenza e mi risvegliai non so quanto tempo dopo in un grande letto di fiori circondato da tante piccole graziose fatine.
Una mi porse da bere ,mi sollevò il capo amorosamente
la guardai gli dissi :
Dove mi trovo voi chi siete?
Cosa volete da me?
E si fece avanti la fatina che m’aveva salvato
dalla morte e mi disse:
Ti ricordi mi hai promesso che avresti fatto qualsiasi cosa per me se ti avrei salvato.
Risposi di sì e ti ringrazio tanto. Cosa vuoi che faccia per te ora dimmi , se posso, farò qualsiasi cosa tu mi chiederai.
Aspetta però che io mi riprenda e ritornano le mie forze.
Va bene quanto starai meglio ne riparleremo adesso dormi .
Domani saprai cosa voglio tu faccia per me.
Il giorno dopo quando il sole lesto aveva preso lo scettro dalla mani della luna ed essersi seduto trionfante sul trono dell’ universo .
M’alzai e andai in bagno a sciacquarmi il viso , incredulo ai miei occhi vedermi ancora vivo , tutto intorno a me era d’oro zecchino ogni cosa tempestata di diamanti e rubini.
Mi lavai in fretta e aperto le finestre apparve davanti a me il paese delle meraviglie , tante piccole fatine volavano nell’aria mentre gnomi barbuti lungo le strade trasportavano mille masserizie .
Il cielo era chiaro e celeste mi diedi un pizzicotto credendo ancora di dormire.
Mi Girai ed ecco la mia fatina che m’aveva salvato
venirmi incontro sorridendo con il mano un cesto pieni frutta.
Buongiorno mi disse e mi prese per mano e mi condusse volando verso un palazzo di cristallo arroccato sopra un monte.
Feci appena il tempo a mangiare uno di quei succosi frutti
che mi ritrovai di fronte la regina delle fate.
Non sapendo come comportarmi divenni goffo ed arrossii dalla vergogna , attraversai un lunghissimo corridoio prima di trovarmi
al cospetto della regina camminai tanto al punto da rivedere l’intera vita mia ,quando ero bambino fino al giorno che mi sposai e divenni a mia volta padre .
Camminai frastornato in mezzo a tante lanterne luccicanti ,
tante piccole fiammelle danzavano nell’aria ,quando giunsi nella sala del trono la regina m’accolse con un gran sorriso i suoi denti erano bianchissimi ed affilati, il volto scarno e pallido , le vesti bianche e profumate.
Le afferrai la mano e m’inginocchiai gli disse.
Comandate farò quello che volete.
Ella sorrise e mi disse : Vogliamo che diventi uno di noi
e si tramutò in una belva feroce e prese ad ululare.
Accorsero così animali d’ogni genere, vampiri e serpenti in poco tempo la stanza divenne una gabbia d’animali pronti a saltarmi addosso .
Volevo fuggire incominciai a chiamare aiuto.
E scese dal cielo un angelo ed io m’afferrai alle sue gambe egli incominciò a volare e mi condusse lontano oltre monti di cristallo oltre le mura di quella città incantata abitata da esseri misteriosi capace di tramutarsi in ogni cosa desiderassero.
Per giorni viaggiai da solo affamato e scalzo dopo che l’ angelo m’aveva lasciato in un precipizio alla merce dell’ignoto camminai esausto zoppicando facendomi forza su un bastone.
Non sapevo dove andare , quando credevo d’essere giunto alla fine vidi un filo di seta per terra lo segui sperando che mi conducesse verso la salvezza.
L’arrotolai intorno alla mano , la mia barba s’era allungata di venti centimetri gli occhi erano rimpiccioliti , le labbra secche , immaginavo la fine , dove terminasse quel filo e più andavo avanti una strana sensazione s’impadroniva di me.
Una forza oscura, un presagio funesto.
La notte venne in compagnie delle paure degli uomini venne scalza cantando un te deum venne con in mano una falce insanguinata
un cielo senza le stelle ove una grande luna illuminava
l’ anima nera e profonda dell’oscurità.
M’addormentai tenendo stretto tra le mani il gomitolo di seta quando
il mattino mi colse rannicchiato in me stesso , tremante , sconfitto sentii accarezzarmi il corpo da tante zampette pelose ero ritornato nella tela del ragno ,intorno a me si fecero di nuovo tutti i ragni che avevano teste umane , corpi pelosi , mani lunghe e fini.
Urlai con tutto il fiato che avevo in gola poi un lungo scopino di una massaia scacciò i ragni e distrusse la tela , non credevo fosse vero non credevo ai miei occhi ero salvo caddi di nuovo nel vuoto un paio d’ali mi spuntarono dietro la schiena , un ragno scappato via dallo scopino provò ad inseguirmi, io volai sempre più forte verso una finestra aperta su quel mondo dove ero nato , dove era iniziata la mia personale storia quando compresi che il ragno non poteva farmi più male io mi fermai in volo e compresi che quel ragno era solo frutto dei miei sogni.
Ero libero e vivo lontano da quell’orribile casa in cui avevo abitato per tanti anni. Lontano dai miei incubi divenni vecchio
e saggio e raccontai ai miei nipotini cosa significa avere fiducia in se stessi cosa è la vita , cosa è la morte.
Ma questa è un’altra storia .


   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Incorniciato MAGIA NATURALIS POEMA DEL MARE E DELLA TERRA
Tema Incorniciato FIAMMELLE
Tema Incorniciato FIORI MISTICI
Tema Incorniciato BALLARO'
Tema Incorniciato SOGNO DI GIUGNO
Tema Incorniciato LANNY DUE DITA 
Tema Incorniciato DELL'ESSERE E DELLO SCRIVERE E ALTRI SOGNI
Tema Incorniciato FESTA D'ESTATE IN MEZZO AL MARE
Tema Incorniciato GELATI TUTTI GUSTI
Tema Incorniciato LA LAMPADA DELLA VITA
Tema Incorniciato POMERIGGIO MARINO
Tema Incorniciato FANTASIA
Tema Incorniciato L'UOMO DELLA LUNA
Tema Incorniciato FOGLIE MORTE
Tema Incorniciato LA PELLE NERA
Tema Incorniciato ERANO NEI SOGNI MIEI
Tema Incorniciato ERRANTI NOTE
Tema Incorniciato LA GUERRA DI PIERO
Tema Incorniciato CANTO PER LA FESTA D'OGNISSANTI
Tema Incorniciato LA PIPA CARAIBICA
-----------------------------------------
Vai a:

Pagina Caricata in :0,76
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page