Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version



 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 4 Favole e Racconti / Tales - Galleria artistica
 ChocoWhite e le sette dive
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
Roberto Mahlab
Amministratore



2843 Inseriti
296 Gold
2448 Punti Rep.
Inserito - 28/10/2005 :  23:55:57  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Roberto Mahlab Invia un Messaggio Privato a Roberto Mahlab
"Il popolo di Israele deve essere cancellato dalla mappa del mondo!", quelle parole pronunciate da Mahmoud Ahmadinejad, il dittatore dell'Iran, il 26 ottobre 2005, fecero scorrere un brivido di orrore in tutto il pianeta. Il tiranno rientrò ghignando nel suo tetro palazzo da cui emetteva gli editti che angariavano il suo paese e si avvicinò al grande specchio del salone. Osservandosi con alterigia pronunciò :"Specchio, specchio delle mie brame, chi è dell'universo il dittatore più perverso e infame?".
"Tu sei certo perverso, ma nell'universo c'è un altro strano dittatore, ChocoWhite, che ti fa il verso!", rispose lo specchio e, tra i suoi cristalli apparve una figura su un'isola dal nome Concerto di Sogni, era seduto nel salone di un castello, tutto attorno manoscritti in pergamena, intingeva un pennino in un calamaio colmo di inchiostro e stava scrivendo un editto inverosimile con l'ordine al popolo dell'isola di sradicare la coltivazione delle cipolle dai campi. E sorrideva mentre lo scriveva, così come il popolo dell'isola avrebbe sorriso leggendolo, scherzava, al contrario del truce duce di Teheran.

Ahmadinejad gridò la sua collera e convocò uno dei suoi migliori sicari e gli comandò :"vai e uccidilo e riportami la prova della sua sparizione".
In una notte senza luna, tra lampi, tuoni e saette, il lugubre assassino entrò nella sala del castello di Concerto City e levò il suo pugnale. Ma l'ombra lo tradì e ChocoWhite si accorse della lama che stava calando e si volse di scatto illuminando il volto del killer con la luce della lampada ad olio. "Oh! Non credo ai miei occhi! Sei proprio tu!", esclamò con tono meravigliato, "uno dei miei protagonisti preferiti, The Phantom of the Opera!, ho visto decine di volte il film e ho letto tutti i libri che parlano di te!", e iniziò a mormorare la colonna sonora, "questo è il pezzo di quando fai cadere il lampadario nel teatro, che scena incredibile!". Il fantasma fece uno sguardo stupefatto e si inorgoglì, abbassò l'arma e accompagnò ChocoWhite nel canto. Divennero amiconi e dopo l'ultima strofa il sicario disse allo svitato finto dittatore :"senti, io non ho il coraggio di farti fuori, facciamo così, dammi quel toblerone bianco con mandorle, miele e nocciole e io lo porterò a quello psicopatico del mio mandante come prova della tua morte, ma subito dopo, tu dovrai fuggire". A malincuore ChocoWhite gli consegnò la barretta di cioccolata, commuovendosi come se si fosse separato da un lingotto d'oro.

"Ecco, Ahmadinejad", disse il fantasma tornato a Teheran, "questi sono i resti di ChocoWhite, mai si sarebbe separato dal suo cioccolato da vivo!".

ChocoWhite corse per miglia e miglia con il fiato in gola, fino a che si trovò in mezzo ad un bosco, tra gli alberi scorse una splendida e grandissima villa, vetrate che davano sul grande giardino fiorito, campi da golf e da tennis, piscina olimpionica, sulla cassetta della posta una insegna :"dimora delle sette dive". Spossato, entrò e si addormentò sul divano in alcantara.

"Ma chi è?", la soffice voce di Julia Roberts. "Non lo so, però è...", le fece eco Scarlett Johansson. "Eh sì, davvero, è...", ribattè Nicole Kidman. "Wow, eccome se è...", riprese entusiasta Keyra Knightley. "E' mio...", affermò perentoria Angelina Jolie. "Si sta svegliando...", aggiunse Halle Berry. "Benvenuto nella casa delle sette dive", gli disse Juliette Binoche con la sua irresistibile ironia, mentre ChocoWhite si sfregava gli occhi incredulo.

Lo accolsero tra loro volentieri e lo incaricarono di cambiare l'acqua della piscina ogni giorno, mentre ogni mattina andavano in città cantando :"
Andiam, andiam,
sul set a recitar,
che su Concerto appare un nuovo
mu-si-cal!"

"Specchio, specchio delle mie brame, chi è dell'universo il dittatore più perverso e infame?", domandava nuovamente Ahmadinejad nella sua reggia insanguinata.
"Tu sei certo perverso, ma nella villa delle sette dive c'è sempre ChocoWhite, non è morto, ma solo disperso".

"Ehi...!, ehi tu!, che stai svuotando la piscina...", ChocoWhite si voltò incuriosito e, stupefatto si ritrovò di fronte uno dei suoi sogni, :"ma... sei un essere ricoperto da una maschera oppure sei proprio tu, la Sirenetta di Walt Disney...?".
Ahmadinejad esplose :"ma vuoi scherzare, non credi ai tuoi sogni?", era particolarmente arrabbiato perchè aveva dovuto travestirsi da donna e nella sua folle mente donne ed ebrei pari erano. "Oh, scusami Sirenetta, non volevo certo offenderti, qual buon vento ti porta qui?". "Vengo da parte di Monica Bellucci, mi ha chiesto di farti assaggiare questa barretta di cioccolata che lei ha fatto con le sue stesse mani". ChocoWhite emise un "oh" di stupore e accettò il dono, lo portò alla bocca e diede un morso. E poi cadde a terra senza più respiro.
Il diabolico Ahmadinejad si strappò di dosso la maschera della Sirenetta e gridò :"non era tutto cioccolato, era una cipolla ricoperta di cioccolato, sei finito, finalmente solo io sarò il più perverso tiranno dell'universo!" e corse via ridendo sguaiatamente.

Le sette dive raccolsero il corpo di ChocoWhite e lo posarono delicatamente in un letto di cristallo in una radura del bosco, piangevano, "non so chi era, però era...", la soffice voce di Julia Roberts. "Era proprio...", le fece eco Scarlett Johansson. "Eh sì, davvero, era... era...", ribattè Nicole Kidman. "Wow, eccome se era...", riprese triste Keyra Knightley. "Era mio...", affermò perentoria Angelina Jolie. "Non si sveglia stavolta...", aggiunse in lacrime Halle Berry. "Che vegli sul tuo animo il cuore delle sette dive...", disse Juliette Binoche con appassionata ironia.

Passarono i giorni e le settimane, la primavera e l'autunno, fino a che la prima neve dell'inverno imbiancò il bosco, ma ChocoWhite non si svegliava e intanto il pianeta veniva messo a ferro e fuoco dal perverso Ahmadinejad. Ma un giorno la forza della libertà unì popoli e nazioni, come già in passato era avvenuto e una spada da samurai sguainata da una donna fece giustizia. "Dopo il successo di 'Kill Bill' grazie al regista Quentin Tarantino, mi ha chiamata Quentin Robertino sul set di 'Kill Ahmadinejad'", esclamava Uma Thurman fiera ai microfoni dei giornalisti di Variety, "ma adesso mi rimane un ultimo compito". Salì a cavallo e si addentrò nel bosco, raggiunse la radura e si avvicinò al cristallo che accoglieva ChocoWhite. Balzò a terra e gli carezzò il viso e poi lo baciò. E ChocoWhite si risvegliò e vissero felici e contenti.

Liberamente tratto da "Biancaneve" dei fratelli Grimm o, per meglio dire, ecco come, forse, avrebbero raccontato questa storia i fratelli Marx.

Tutti i personaggi e i fatti hanno voluta aderenza con la realtà - Concerto di Sogni, the musical - @2005

Quentin Robertino

   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema I fondamentalisti islamici al potere a Gaza
Tema Concorso a premi Enjoy Israel
Tema Benvenuta Veronica!!!
Tema Il giorno del giudizio 
Tema La gravissima aggressione di Milano
Tema I film che piacciono a me
Tema Incorniciato I giganti del basket 
Tema Proposta per una nuova Monaco
Tema I rischi di scrivere "Viva Israele"
Tema Incorniciato Un gelato da fine del mondo 
Tema Vi sentite minatori ? (tempo libero)
Tema Incorniciato Scusi, dov'è la luna? 
Tema La protesta contro la tirannia in Birmania
Tema Dedicato a chi marcia per la democrazia 
Tema Siamo sicuri.....?!
Tema Le risposte di Aharon Appelfeld
Tema Zombies&Zombies
Tema Incorniciato Lo scrittore curioso
Tema Incorniciato La leggenda di Aizac 
Tema Incorniciato Un mondo a prestito/parte prima 
-----------------------------------------
Vai a:

Pagina Caricata in :2,28
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2021 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page