Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version

Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"
'

'
' '
 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 4 Favole e Racconti / Tales - Galleria artistica
 La scalata
Condividi
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
Gabriella Cuscinà
Senatore


Italy
225 Inseriti
102 Gold
230 Punti Rep.
Inserito - 20/06/2005 :  11:56:50  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Gabriella Cuscinà Invia un Messaggio Privato a Gabriella Cuscinà
La scalata

Lorenzo non ne poteva più della sua situazione familiare e aveva deciso di farla finita lanciandosi dal tetto della sua villa. Si trattava però di arrampicarsi lassù con la scala e lui non era mai stato un grande scalatore. S’era alzato di buon mattino per non avere né spettatori, né curiosi. Sapeva di soffrire di vertigini e saliva senza guardare giù. Dunque procedeva cautamente e dopo molti gradini, ebbe la visione della finestra del secondo piano, il che lo rincuorò pensando di profittarne e di mettersi seduto su di essa per riposarsi e calmare i battiti tumultuosi del cuore. Allora affrettò il passo e, premendo il piede con forza su un piolo, lo spezzò. Per fortuna era all’altezza del davanzale e vi s’aggrappò con grande sollecitudine, dimentico ormai delle sue intenzioni suicide. Le gambe erano sospese in aria e con un calcio all’impazzata, fece cadere la scala a terra. Si issò con tutte le sue forze sul davanzale, che era molto profondo e si sedette, rendendosi conto di sentirsi male per la paura. Si chiese allora dove trovassero il coraggio i suicidi e, tutto sommato, la situazione della sua vita gli parve meno grave e ingarbugliata di quel che gli era apparsa sino a quel momento. Appollaiato, si rese conto che la finestra era ermeticamente chiusa e quindi era destinato a restare là per chissà quanto tempo, avendo abbandonato del tutto le sue precedenti intenzioni di morte. Non gli restava che aspettare il passaggio di qualche soccorritore. Si mise nel frattempo a riflettere sulla strana e insolita piega che aveva preso la sua esistenza.
Aveva ventotto anni ed era sposato con una vedeva di quarantuno anni, la quale aveva una figlia di ventiquattro anni. Il padre di Lorenzo aveva sposato tale figlia. Per cui suo padre era diventato suo genero in quanto aveva sposato sua figlia. E fin qui tutto chiaro, ma sua nuora era diventata sua matrigna in quanto moglie di suo padre. Inoltre lui e sua moglie avevano avuto un figlio, il quale era divenuto fratello della moglie di suo padre, quindi cognato di suo padre. In aggiunta tale figlio era pure suo zio in quanto fratello della sua matrigna. Suo figlio era dunque suo zio.
Come se ciò non bastasse, la moglie di suo padre aveva avuto un figlio, il quale era anche suo fratello poiché figlio di suo padre ed era anche suo nipote in quanto figlio della figlia di sua moglie. Quindi lui era fratello di suo nipote, e siccome il marito della madre di una persona è il padre di tale persona, risultava che lui era il padre della figlia di sua moglie e fratello di suo figlio. In ultima analisi, lui era suo nonno.
Lorenzo pensava a tutto ciò e provava un senso di panico e confusione mentale. Ci ripensava e sentiva i conati del vomito. Poi improvvisamente rivisse i momenti di disperazione che l’avevano indotto al suicidio e si rallegrò di averci ripensato, sennò in quel momento si sarebbe trovato dinanzi al Padre Eterno che lo interrogava: “Chi è che ha combinato tutto questo casino? Eeeeh? Chi l’ha combinato?” E lui avrebbe dovuto rispondere: “Io Signore, sono io il responsabile di sto macello!”
Comunque erano le sei del mattino e si trovava a circa cinquanta metri dal suolo, seduto come un deficiente sul davanzale di una finestra sbarrata. Attorno a lui gli uccelli cantavano e trillavano melodiosi, festanti, erano chiassosi, pettegoli e gli stavano attorno con una cordialità eccessiva. Soprattutto un pettirosso, posatosi sull’orlo del davanzale, lo guardava con la testa inclinata da un lato e con molta curiosità. Poi si girò e volò via. Ma non si assentò per molto tempo. Dopo circa due minuti era nuovamente accanto a lui e continuava a guardarlo come a dire: “Ma vedi questo cretino!” Volava via e tornava da lui ad osservarlo pensieroso. Per cui Lorenzo non ne poté più e si sporse ad afferrarlo, rischiando di perdere l’equilibrio. L’uccellino lanciò un grido di terrore e scomparve per sempre lontano.
Verso le sette, sotto di lui risuonò un fischio che aveva qualcosa di umano.
Fino a quel momento aveva udito tutto un concerto incessante eseguito da passeri, cardellini, usignoli, canarini, pettirossi, ma quell’ultimo fischio era completamente diverso. Non era più un cinguettio. Era un vero e proprio fischiare.
Lorenzo si risolse a guardare giù sebbene un senso di vertigine lo bloccasse. Vide allora passare suo cugino Benedetto con fare baldanzoso e con le mani in tasca. Abitava nella villa accanto, nello stesso grande recidence progettato e costruito da suo padre.
- Ehi!- gridò con quanto fiato aveva in gola. – Ehi!-
Il cugino si fermò. Guardò a dritta, guardò a manca, poi si girò e guardò dietro di sé, ma non vedendo alcuno, proseguì la sua marcia.
- Ehi! Benedetto! Accidenti. Dico a te deficiente! –
Infine Benedetto guardò in su e vedendo il cugino seduto sulla finestra, ristette a bocca aperta, come se stesse posando per la statua dello spaventato del presepe.
- Per Bacco! – esclamò- Che diavolo fai lassù?-
- Non ti interessa, aiutami a scendere.-
- Sì, però come ci sei arrivato?-
- Non ti riguarda, aiutami a scendere.-
- Sì, ma come ti è venuto in testa?-
- Non ti interessa, prendi quella scala.-
- Cosa?-
- La scala.-
- Quale scala?-
- Quella che è per terra.
- Dove?-
- Là. Dove guardi? Non lì. Là. Ti dico non lì. Là, là.-
- Ah! Ecco! Là, quella scala là.-
- Sì appunto, prendila.-
- Va bene. L’ho presa, e ora?-
- Mettila qua, sotto la finestra.-
- O. K. Ma perché sei sulla finestra?-
- Tieni forte quella dannata scala e cerca di stare zitto.-
- O.K. Tengo forte. Ma che ci facevi sulla scala?-
Lorenzo si decise a scendere e quando i suoi piedi presero contatto con il suolo, credette di avere realizzato tutti i sogni della sua vita. Il cugino però non si dava per vinto e continuava a chiedere. Dunque bisognava dargli una risposta.
- Avevo visto un nido di rondini sotto la grondaia.-
- Un nido di rondini? A Luglio?-
- Sì, perché?-
- Perché le rondini non fanno il nido a luglio.-
- Beh, queste avevano deciso di farlo a luglio.-
- Ma neanche per sogno! Fanno il nido ad aprile.
- Le rondini che ho visto io, lo fanno a luglio.-
- Tu sei scemo e visionario.-
Questo dialogo increscioso terminò dopo che lo scalatore l’ebbe interrotto girando le spalle e lasciando il cugino perplesso e preoccupato a pensare che Lorenzo aveva perso il cervello e che l’aria insalubre della sua famiglia allargata aveva ormai minato la sua povera psiche.

Gabriella Cuscinà

   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Incorniciato Ira
Tema Incorniciato In colonna
Tema Incorniciato In terrazza 
Tema Incorniciato Ermanno
Tema Incorniciato Sabrina e le sigarette 
Tema Incorniciato L'amore e il computer
Tema Incorniciato Le api 
Tema Incorniciato 11 settembre 
Tema Incorniciato La storia di Giuseppina 
Tema Incorniciato Ho bisogno del tuo aiuto 
Tema Incorniciato Un regalo di Natale
Tema Incorniciato La signorina Pierina
Tema Incorniciato Leonardo
Tema Incorniciato Riconciliazione
Tema Incorniciato Dino
Tema Incorniciato Il bambino che uccise
Tema Incorniciato La fotografia
Tema Incorniciato I limiti del mondo
Tema Incorniciato Uno strano caso
Tema Incorniciato Il negozio dei sogni
-----------------------------------------
Condividi
Vai a:

Pagina Caricata in :7,32
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page