Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version

Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"
'

'
' '
 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 5 Poesie / Poetry - Galleria artistica
 L'equilibrio del piccolo grande uomo
Condividi
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
emofione
Emerito


Italy
143 Inseriti
100 Gold
148 Punti Rep.
Inserito - 20/07/2004 :  17:35:46  Mostra Profilo Invia un Messaggio Privato a emofione

Silenzio.
Non sprecate ulteriore fiato, ve ne prego.
Non adesso almeno.
Tacciano i trambusti ed i tormenti quotidiani.
Si fermino le ansie, le corse ed i palloni.
E’ tempo di volare sugli anelli.
E’ l’ora di far danzare armoniosamente tutti i muscoli del corpo.
Di far confluire ogni energia, fisica e mentale, verso una meta.
Quante volte ho pensato di poterci riuscire, di poter azzerare il mio peso specifico.
Di sollevarmi sicuro, senza apparente sforzo, per librarmi in alto, e rimanere lì, immobile.
Il “Cristo”, vorrei copiare quella figura perfetta, sostituendo l’anima al corpo.
Un equilibrio fragilissimo e purtuttavia inattaccabile, tanta deve essere la naturalezza del gesto per renderlo possibile.
Bilanciare l’alto e il basso, il peso ed il leggero, il serio ed il faceto, la gioia e la tristezza, il sacro ed il profano.
Sentirsi liberi e legati da radici profonde nel medesimo istante, sereni ma mai paghi,
soddisfatti ma desiderosi di andare oltre, di provare, di scoprire, di cambiare.
Lo sento, a volte, sento che basterebbe davvero poco a far quadrare i conti, come del resto un ulteriore piccolo soffio di vento potrebbe far cadere i mille sogni e progetti in costruzione, in un attimo.
Serve una meta, c’è poco da fare, perché se orienti lo sguardo verso un punto preciso e lo fissi attentamente, allora i tuoi squilibri si compensano, diventano anzi quasi complementari.
Certo, complementari.
Come sognavo, un tempo, di poter essere io, nei confronti di un’altra anima, o forse di tutte le anime insieme, all’unisono.
Né troppo, né poco.
Il vero giusto mezzo.
Ognuno nel suo preciso ruolo.
Un ruolo, uno scopo, almeno uno, nella vita.
Il fatto è che sono nato ibrido, un po’ mastino del centrocampo, un po’ gazzella della fascia, un po’ geometra dell’esistenza altrui, un po’ poeta maledetto della mia.
Coraggio allora, Yuri, svelami il tuo segreto.
Al più presto, però, che non ho più tempo da perdere. Per davvero.


   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Piacere, Emiliano...
Tema Incorniciato A Lolita
Tema Incorniciato i giorni palindromi
Tema L'ONDA PERFETTA
Tema Incorniciato quando finisce un amore...
Tema "perduto amor" di F.Battiato
Tema Incorniciato C'era una volta un tipo strano ma non troppo
Tema Pubblicità su misura...
Tema Sapersi perdonare
Tema ancora ponce
Tema Incorniciato caro amico mare, inflazionato...
Tema riflessioni - la paura
Tema E.
Tema Incorniciato Io sole, te luna
Tema Incorniciato Un baco speciale, il tenia-moci stretti
Tema auguri a tutti i leoncini del 29 luglio
Tema vacanze o fine di un percorso?
Tema un mondo senza tempo
Tema ^^^Sfogo^^^
Tema Incorniciato Superficialità alla moda
-----------------------------------------
Condividi
Vai a:

Pagina Caricata in :6,80
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page