Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version



 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 4 Favole e Racconti / Tales - Galleria artistica
 IL PONTE...UN'ARMA
Condividi
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
zanin roberto
Senatore


Italy
285 Inseriti
114 Gold
290 Punti Rep.
Inserito - 25/10/2003 :  11:49:32  Mostra Profilo Invia un Messaggio Privato a zanin roberto


IL PONTE...UN'ARMA

Il sole era splendido protagonista di un tramonto estivo, acceso dai colori sfrontati d'una natura maestosa e ancora profondamente padrona dell'uomo.
Il Rhenus scorreva con le sue acque fonde e limacciose, borbottando tra flutti e sciacquii, disegnando con le sue onde increspate geometrie varie e dinamiche.
Un intenso andirivieni di legionari del genio anima una piana verde e piatta, tagliata dal fiume come una torta, colline dolci alle spalle rompono un orizzonte azzurro e odoroso di resina silvestre.
Mucchi di segatura e truccioli con pile di pali scorticati di conifere ben allineati facevano da cornice al campo romano che da dieci giorni si trovava impegnato nella costruzione del primo ponte sul fiume RENO.
Passeggiava nervosamente il console Caio Giulio Cesare, avvolto dal suo mantello rosso porpora, con i contorni dorati e larghe decorazioni a forma d'alloro nelle maniche, i calzari bianchi e i capelli sconvolti, radi e grigi ne tradivano i 45 anni, d'un uomo maturo ma nel pieno della forza fisica.
Era il 55 a.c. di un'estate calda e vittoriosa, Ariovisto pochi mesi prima era stato sconfitto con i suoi germani impudenti ma adesso era venuto il momento di far capire chi era Roma.
Il popolo dei Sigambri al di lÓ del Rhenus sconfinavano nelle Gallie a ondate, gli Svevi ne avevano seguito l'esempio e solo gli Ubii s'erano alleati ai romani.
Arriv˛ al galoppo il tribuno Tito Labieno e l'altro al fianco di Cesare gli corse incontro.
- " Ave, Quinto Titurio Sabino, ho nuove per Cesare!"
- " Ave a te, Tito Labieno, amico mio, su coraggio parla, non tenermi sulle spine!"
Cesare guard˛ pensieroso i suoi tribuni poi pos˛ lo sguardo oltre il fiume, le sentinelle accendevano grosse fiaccole e nella penombra della sera le squadre intente ai lavori di costruzione rientravano.
- " Cesare, le legioni sono allertate per l'alba di domani, tutto Ŕ pronto per l'avanzata! "
- " Bene mio fedele Labieno, domani al sorgere del sole le aquile di Roma voleranno nei territori dei Germani ! "
Le tube suonarono all'unisono e radunarono gli uomini, grossi fuochi illuminavano l'accampamento, l'odore delle carni cucinate e del vino speziato diffondevano una grande aspettativa, Cesare era salito su una torre d'osservazione e dall'alto dominava l'assemblea.
Come un fulmine saetta veloce e deciso, preciso e devastante, cosý il comandante delle Gallie arring˛ i suoi soldati.
- " Romani, legionari, da tre anni teniamo in scacco i Galli, li abbiamo sconfitti pi¨ volte, abbiamo portato ordine e civiltÓ ma... di lÓ dal fiume i puzzolenti Germani osano portarci offesa e poi rientrare impuniti nelle loro tane di animali che li nascondono alla vista, sicuri del baluardo del Rhenus.
Questo fiume maestoso pu˛ fermare un popolo barbaro ma non quello romano.
Noi domani attraverseremmo il Rhenus per portare il terrore nelle loro terre, a monito e a dimostrazione della superioritÓ romana."-
Cadde il silenzio poi gli uomini che adoravano il loro generale lo acclamarono con un poderoso assenso, ognuno gonfiando il petto.
L'alba si accese di luce a diradare quelle foschie umide che esala la notte, respiro di boschi fitti e di fiumi gonfi, dove l'uomo si sente ospite, l'odore forte di resina pervadeva ogni tenda, il pino mugo spandeva il timbro penetrante nei polmoni.
Di lÓ sulla sponda germanica, occhi impauriti seguivano gli eventi.Barbari Sigambri in esplorazione rimanevano nascosti a spiare con apprensione.
Al suono ritmato di tamburi si allinearono le insegne quindi le coorti in perfetto assetto da battaglia.
Di fronte a loro stava un ponte in legno imponente, bianco di conifera, perfettamente allineato, con i pali di fondazione inclinati a sinistra a favore di corrente e a destra in contrapposizione a essa,geometricamente assemblato e forte, vero gioiello d'ingegneria militare, munito di ripara-piloni contro eventuali tronchi gettati per romperlo.
Due colonne con in cima bracieri, scolpiti a testa di leone, esordivano l'ingresso della grande costruzione, drappi rossi e bl¨, con impresse le insegne delle legioni, penzolavano ai lati nel vuoto quasi ad accarezzare il pelo dell'acqua.
Da dietro al trotto, giungeva Cesare, si arrest˛ all'ingresso, scese dal cavallo bianco maculato di grigio, con in mano dei sacchetti dal panno nero.
Si fecero largo due enormi centurioni, con il fodero aperto a sostenere una corta ascia, l'emblema che si notava sulle faliere era quello del genio, incudine e ascia, scese il silenzio delle cerimonie.
Cesare avanz˛, strinse il braccio ai due centurioni, consegn˛ il premio da dividere con il loro reparto, monete d'oro, e si congratul˛ per la velocitÓ e la qualitÓ del lavoro eseguito.
Le legioni passarono il ponte in parata mentre i barbari impauriti si ritirarono nelle loro fitte boscaglie impenetrabili.
Il terreno era morbido, il muschio si mescolava alle felci e di tanto in tanto fragoline di bosco si alternavano nel torboso suolo.
Un gruppo di cervi e caprioli foraggiavano indifferenti, i sentieri erano appena segnati, le poche capanne di pastori rendevano quella zona desolata e inospitale.
Per diciotto giorni fecero terra bruciata, villaggi incendiati, raccolti requisiti, prigionieri, saccheggi, seminando il panico nei fieri germani.
Da sempre quegli omoni, dalle spalle larghe, dai capelli lunghi e rossi che menavano quell'enorme ascia devastante erano un'incubo per le fanterie romane, ora sapevano che la paura era reciproca.
Quando sul calar del giorno, rientrarono da quella spedizione, riattraversarono il Rhenus, Cesare fece fermare l'esercito, si mise di fronte al ponte e con l'arte oratoria di cui conosceva ogni artifizio disse:
- " Guai ai Germani se oseranno sfidarmi ancora, Roma non dimentica, questo confine sia il limite di loro ogni ambizione ! Labieno ordina la distruzione del ponte, affinchŔ la porta della civiltÓ sia chiusa alla barbaria! "-
Tito Labieno suo luogotenente alz˛ la mano e dieci squadre di asciatori iniziarono la demolizione di quello spettacolo di tecnica e abilitÓ costruttiva. Quando la corrente del fiume port˛ via l'ultimo legno divelto, le legioni si erano allontanate.
Di lÓ i Germani rimanevano allibiti dalla prontezza e determinazione dei romani, quel ponte era stato un deterrente pi¨ efficace di qualsiasi arma.
L'estate generosa di luce e di colore continuava il suo intenso verdiaggiare di foraggi profumati dalla inebriante lavanda, mentre scorreva placido il corso del Rhenus che tra 80 miglia avrebbe portato i residui del ponte alla sua foce a delta, in quel mare della Manica che porterÓ Cesare anche alla conquista della Britannia.


di Zanin Roberto


   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Incorniciato OTZI - L'UOMO CHE AMAVA LA NEVE.
Tema Incorniciato SPINE DI ROSA
Tema Incorniciato L'ORA DI CHIMICA 
Tema Incorniciato Il coraggio della speranza
Tema Incorniciato CAIO MARIO ALLE AQUAE SEXTIAE 
Tema Incorniciato Poesia per Telethon
Tema Incorniciato I NOSTRI FANTASMI
Tema I MIEI AUGURI
Tema Incorniciato UN VIAGGIO PER TUTTI
Tema Incorniciato UNA SOLA NINFEA
Tema Incorniciato ANCORA L'ONDA
Tema Incorniciato L'ULTIMO BATTITO D'UNA PASSIONE 
Tema Incorniciato UNA SOLA CERTEZZA
Tema Incorniciato LA ZANZARA TIGRE
Tema Incorniciato IL GELO DELL'ESTATE 
Tema PAOLINI IN "SONG N.32"
Tema Incorniciato ANFI BIOS
Tema Incorniciato EROI... SOSPETTI ! 
Tema LA BATTAGLIA DI LEPANTO
Tema Incorniciato SEPOLTO VIVO ! 
-----------------------------------------
Condividi
Vai a:

Pagina Caricata in :1,20
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori ┬ę 2001-2021 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page