Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version
Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"
'


 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
%>  
 tutti i Forum
 20 Sfumature di Vita
 Persi la mia ombra
Condividi
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
riccardo resconi
Senatore


Italy
310 Inseriti
102 Gold
315 Punti Rep.
Inserito - 27/10/2019 :  20:10:58  Mostra Profilo  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a riccardo resconi
Persi la mia ombra

Una mattina
Il mio controllo svanì
E scivolai nel mondo
DI quelli sommersi
Dove hai come nome una matricola
Ed il sole è sempre pallido
Dove non hai alberi intorno
Ma muri di cemento molto alti
Con chiome elettriche tutto arrotolate tra di loro
E manca l’aria
Te ne danno una al giorno
Dove cammini lungo il perimetro del muro
E ti sembra di poter essere più vivo e libero
Non vedi bambini o signore ben vestite
Ma solo visi segnati
Di giovani
Di vecchi
DI chi è lì da molto tempo e comanda
Di chi è appena arrivato e lo vedi smarrito
E tra quelle mura che ho perso la mia ombra
Come si fosse staccata da me per un motivo, solo a lei noto
Un netto rifiuto di potermi vedere proiettato verso il domani
Eliminare la mia speranza di cancellare tutto quello
Privarmi della luce che mi rendeva visibile
Ne provai dolore
Tra quelli già in corso
Mi domandavo anche come la potessi ritrovare
Ma le risposte erano sempre vuote
Anche chi girava con me intorno a quel muro, mi dava del matto
Non capivano
Loro non ne erano stati privati
Quella sorta era toccata solo a me
Fortuna
Sfortuna
Continuo a non sapere rispondere
E cosi
Continuo a girare
A volte faccio anche dei cerchi
Altre, saltello
Piombando a terra con fragore
Voglio che non sia tutto uguale in quel luogo
Tra i libri della biblioteca ho cercato
E la parola “ombra” la citano spesso
Ma che possa scomparire
Quello no
Dopo molto tempo, preparai la mia roba sulla brandina
E una chiave aprì la porta della mia cella
Mi accompagnarono fine a quel grande portone metallico
Che stridendo, si aprì lentamente
E così ne uscii
Camminai per un po'
Senza sapere dove andare
Stanco
MI sedetti su una panchina
Da li si vedeva il fiume
Era bello
Libero
Il sole era spuntato dagli enormi palazzoni
Facendomi abbassare gli occhi
Mi rialzai
E la rividi
Era proprio dietro di me
Era tornata
Andata via per punirmi
Ritornata per non volermi lasciare mai più
Ero anche io libero come quell’acqua
Non potevo perdere quell’occasione

(patapump )

   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Incorniciato U' Suonno
Tema Incorniciato Colori
Tema L'attrice
Tema Incorniciato Il Lenzuolo
Tema Incorniciato Il Volto
Tema Incorniciato Il Cammello
Tema Breve news & old su di me
Tema Incorniciato U’ cuntastorie (Il cantastorie) 
Tema Incorniciato La corriera 23.
Tema Incorniciato Tango
Tema Incorniciato La scogliera
Tema Incorniciato Sensazioni di una sera
Tema Incorniciato Il Grido
Tema Incorniciato Il foglio bianco.
Tema Incorniciato Il pesciolino ed il pellicano 
Tema Incorniciato Il negozio di orologi.
Tema Incorniciato Ernesta strega maldestra
Tema Incorniciato Chiedimi la Luna
Tema Incorniciato Pane
Tema Incorniciato La Giostra.
-----------------------------------------
Condividi
Vai a:

Pagina Caricata in :8,45
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page