Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version

Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"
'

'
' '
 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 8 Concerto News System
 "Ten li lanuach"
Condividi
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
Roberto Mahlab
Amministratore



2696 Inseriti
296 Gold
2301 Punti Rep.
Inserito - 06/01/2002 :  15:41:59  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Roberto Mahlab Invia un Messaggio Privato a Roberto Mahlab
"Canto affinche' il mio cuore non sia radice di pena e di dolore...", le parole e le note della romanza in ebraico-spagnolo mi hanno accompagnato in un breve viaggio nella musica ebraica, tra recenti esperienze e i concerti che si tengono negli spazi dell'ex ospedale Paolo Pini a Milano.
Lo scenario del primo concerto della domenica sera era inquietante, il vento e quelle nubi bianche che risaltavano correndo nell'oscurita' del cielo, mentre la cantante intonava "Il ghetto di Vilna brucia! Qualcuno...qualcuno spenga le fiamme..." l'invocazione in yiddish, il dialetto ebraico-tedesco parlato dalle comunita' ebraiche dell'Europa Orientale, denominate Askhenazite, risuonava come sapesse di gridare nell'infinito gelo di nessuno, come allora.
La musica "Klezmer", nata nei ghetti dell'Europa Orientale e che poi diede il seme al jazz, era alle origini allegra e trascinante, ma domenica sera il suono era appositamente stridente e angosciante, la trasformazione che ebbe negli anni dell'Olocausto, come la rivolta dell'anima che urla incredula al graffio del demonio, la voce solista precipitava il pubblico indietro nel tempo, come il Picasso dai paesaggi dolci e poi improvvisamente sfaccettato subito dopo la morte di un caro amico, l'anima che voleva lo stesso raccontare ma non ritrovava piu' il significato precedente della vita. Nonostante la musica fosse avvincente, mi sono pero' alzato prima della fine, come molti altri, il mio essere ebreo che da un lato premeva affinche' chiudessi le orecchie, mi gridava di non ascoltare piu', non cosi' spesso, la contraddizione di continuare a conoscere quanto avvenne e il desiderio di essere normali, come tutti, perche' non avvenne a noi, alle nostre generazioni, eppure dall'altro lato la consapevolezza che dobbiamo ricordare, perche' non avvenga ancora, altrimenti l'oblio li avrebbe fatti morire per la seconda volta. Ho colto il mio pensiero cercare sollievo ritornando al recente dolce ricordo della spiaggia di Israele, un'altra sera, dove le onde del mare e il vento accompagnavano la melodia delle chitarre e dei violini che suonavano "Erev shel Shoshanim", la sera delle rose, quanta quiete e tranquillita' nella nuova musica del popolo ebraico libero e lontano dal male che riporta la meraviglia per l'aspra Terra del latte e del miele.

La sera successiva, sempre al Paolo Pini, un secondo concerto di musica ebraica Sefardita, retaggio cioe' delle comunita' che ebbero il massimo splendore con la dominazione araba in Spagna e termine con cui si indicano gli ebrei dell'area del Mediterraneo. Una bravissima cantante traeva da una chitarra classica e dalla sua propria voce note e melodie che si accordavano con la scenografia di altissimi alberi e cielo stellato, romanze in spagnolo, che parlavano d'amore, parole prestate dalla tradizione ebraica del Marocco, della Turchia, della Persia, della Spagna, del Portogallo, ritmi che si ritroveranno nel flamenco e nella musica gitana, raccolti e tramandati dopo la cacciata degli ebrei dalla Spagna, nel 1492. Musica dolce che racconta di un popolo in esilio, che intonava "Hod Noded", l'uccello che vaga tra le Terre del mondo, alla ricerca di quella pace che trovera' solo nella nostalgia della Terra degli Avi, dove riporre la ali.

"Ten li lanuach", cantavano in ebraico gli ebrei rifugiati in Persia dopo la dispersione che segui' la distruzione del Tempio di Gerusalemme, "...concedimi di riposare....".

Il canto straziante di Askhenaz dal ghetto in fiamme, la voce struggente di Sefarad sulla via dell'esilio, la tranquilla certezza malinconica che ogni ebreo cerca delle note del popolo d'Israele odierno, era come se sul palcoscenico della musica fossero presenti insieme tutte e tre le musiche, come sarebbe bello poterle riprodurre qui in questo momento, per trasmettere la sensazione, le diverse note si riunivano in completo accordo, a rappresentare quel percorso della Storia e quell'anima che non si ritrova e vaga senza pace e dispersa tra le nazioni della Terra, forse perche' in essa c'e' un pezzetto di ogni nazione della Terra.

Bob Porter - Cns - Concerto News System - @2002



   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Incorniciato L'autunno dell'ibisco
Tema eventi
Tema Incorniciato Concerto mix 
Tema CONTATTO! TRINGLOWA!
Tema Lettera a Emergency
Tema La leggenda di Al, John e Jack
Tema Il grande dittatore
Tema Incorniciato Pictures in the rain
Tema help Concorso per Concerto di Sogni
Tema Incorniciato auguri per un nuovo anno di pace e solidarietà
Tema Incorniciato Un Sabato speciale
Tema Facciamoci gli Auguri per il 2003
Tema Incorniciato Sogni salati
Tema Incorniciato Il segreto del battito sospeso
Tema La proporzionalita' dei sogni
Tema Le interviste della cns/i semi dell'intolleranza
Tema Incorniciato Il portagioie di batik
Tema Un mondo pericoloso
Tema EDITTO/Il club dei belli
Tema I corrispondenti/Il Sarto di Panama
-----------------------------------------
Condividi
Vai a:

Pagina Caricata in :6,66
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page