Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version



 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 12 Concert of the World
 A routine day in Iraq
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
Iraq the model
Esploratore


Iraq
1 Inseriti
100 Gold
6 Punti Rep.
Inserito - 24/04/2004 :  22:44:36  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Iraq the model Invia un Messaggio Privato a Iraq the model
21 April 2004
A routine day in Iraq.

Today is a special day for me, it's my birthday I woke up early, had many things to arrange, it was a lovely sunny day. One should enjoy looking at April flowers and not stay at home at all, and I will celebrate it just as I should.

Then I heard the news; tens of people killed in terrorist attacks in Basra with many children among them. Omar, my brother, is still in Basra, and we were very worried and didnít rest until we called a friend there to have some information about the attacks. We still havenít heard from him, but that's because he doesn't have a telephone or access to the internet in the small town where he works, and we know that he doesnít usually go downtown at such times.

This is my daily Ďroutineí thoughout 35 years; wars, meaningless death of innocent people, armed people terrorizing us, relatives and friends get killed or disappeared, close gunshot or explosions awaken me from sleeping, our laughs and talks get lost amid sounds of jetfighters in the sky and noise of tanks in street reminding me where Iím I and where I live. It seems that itís not allowed for me to live a normal life like others do.

I believe in the bright future ahead but Iím upset now and I came here to write and release some of my frustration. I can't bear it alone. why me? Why my country? All that we need is a moment of peace. I really need it now. Why should I bear it with my people? When will it be over and when can we live in peace at last?

The hardest thing is that I have to fight more, and I will, but God, please give me the strength. Why should I be strong while watching others run away; Spain, Honduras, Thailand, human organizations, the UN and all the others who want (and itís their right I must say) to avoid the dangers. But why did they disappoint us? Why abandon us in this moment when we really need them? Will they come back when conditions improve? Most likely, but who will need them then!!? We donít need doctors and engineers. We have enough of those and large numbers of Iraqi doctor, teachers and engineers are working abroad. We do export minds, and some of those have returned and are doing their job and some are on their way back. We need political, financial and military support, and once we get rid of the terrorists, WE will show you what we can do, and we will not forget those who helped us, they will remain as friends and allies, thatís from a political point of view. As for me, they will remain as my real family, my brothers and sisters.

One of our friend was angry when he saw the former slaves burn the flag of their liberators (and he has all the right to feel so), but I saw my country being destroyed for 35 years and Iím not desperate because I have faith that it will be rebuild one day. Still, why am I supposed to be the 'superman' who is never allowed to feel angry, sad or frustrated?

Others ask me to demonstrate and show my support to the coalition. Ok Iím with the coalition but I canít do it my friends. Iím surrounded by armed criminals who wouldnít hesitate for a minute before shooting me for just speaking out, yet I do speak, and not only on this page.

You, there in the free world, cannot witness against criminals without witness protection programs. We have nothing of this. Just under trained and half corrupted policemen and few newly graduated army soldiers and the law system, we inherited from Saddam and havenít really changed it yet, is far from being efficient.
Why do others get discouraged easily? Donít mistake me. Iím upset but will NEVER run away like some people did.

I wasnít like this before. I was afraid most of the time. I have always looked for safety above all. I lost faith in the whole world and I wasnít ready at all to make the slightest sacrifice for the sake of others. I was trying to leave my country and find a better job in a safe place, BUT, The brave solders (who donít hold shares at Halliburton or Bechtel) who crossed seas and oceans and came to my country to fight for our freedom -and donít anyone dare say the opposite, as I met so many of these soldiers and had hundreds of letters from them and there families and I know their motives; they fight for their countryís safety and for our freedom and they are proud of what they are doing- gave me the faith and showed me that man should not care only about himself, his family or his country, these are not enough to make a human being. These guys are MUCH better than me because I have to fight for my issue and they fight for me. They deserve the respect of the world and so do the people who support them. They always give me hope to go on no matter how difficult it seems.

I think Iíll have to skip celebrating my birthday this year, but that will not make me less determined than before, and I know that even if other countries pull out of Iraq, we will always have the strongest and greatest nation on our side, the wonderful people of the USA, together with the UK, Italy, Japan and the rest of the coalition forces. We owe you a lot and I pray, and Iím sure, that one day we will be able to return some of your favors and Iím talking about the people not the politicians although I donít deny those the credit they deserve for doing their job as good as they can. When that day finally comes, you will know for sure that the great efforts and sacrifices youíve made were not in vain.

-By Mohammed.
http://iraqthemodel.blogspot.com


Traduzione italiana a cura della redazione della concerto news system

21 aprile 2004
Una giornata di routine in Iraq
Oggi e' un giorno speciale per me, e' il mio compleanno e mi sono svegliato presto, avevo parecchie cose da mettere a posto, era un giorno piacevolmente soleggiato. Si deve gioire ad osservare i fiori di aprile e non rimanere a casa neppure un po' e celebrero' proprio come si deve.

Poi ho sentito le notizie, decine di persone uccise in attacchi terroristici a Bassora con molti bambini tra loro. Omar, mio fratello, e' tuttora a Bassora ed eravamo molto preoccupati e non ho potuto darmi pace fino a che abbiamo chiamato un amico la' per avere qualche informazione sugli attacchi. Ancora non abbiamo saputo nulla di lui ma e' perche' non ha un telefono o un accesso a internet nella piccola citta' dove lavora e sappiamo che non si reca di solito al centro in momenti come questi.

Questa e' la mia routine giornaliera da 35 anni, guerre, morti immotivate di persone innocenti, persone armate che ci terrorizzano, parenti e amici uccisi o scomparsi, colpi d'arma da fuoco vicini o esplosioni mi svegliano dal sonno, le nostre risate e chiacchiere si perdono tra il suono degli aerei da combattimento nel cielo e il rumore dei carri armati nella strada che mi ricordano dove sono e dove vivo. Sembra che non mi sia permesso vivere una vita normale come altri vivono.

Credo nel luminoso futuro che abbiamo di fronte, ma sono arrabbiato adesso e vengo qui a scrivere e a lasciare alcune delle mie frustazioni. Non posso sopportarle da solo. Perche' io? Perche' il mio paese? Quando finira' e quando potremo finalmente vivere in pace?

La cosa piu' dura e' che io devo combattere ancora e lo faro', ma ti prego Signore, dammene la forza. Perche' dovrei io essere forte mentre osservo altri scappare via, Spagna, Honduras, Tailandia, le organizzazioni umanitarie, le Nazioni Unite a tutti gli altri che desiderano (ed e' nel loro diritto devo dire) evitare i pericoli. Ma perche' ci hanno deluso? Perche' abbandonarci in questo momento in cui abbiamo davvero bisogno di loro? Torneranno quando le condizioni miglioreranno? Probabilmente, ma chi avra' bisogno di loro allora!!? Non abbiamo bisogno di dottori e ingegneri. Ne abbiamo a sufficienza di essi e un gran numero di dottori Iracheni, insegnanti e ingegneri lavorano all'estero. Noi esportiamo cervelli e alcuni di essi sono ritornati e stanno facendo il loro lavoro e alcuni stanno per ritornare. Abbiamo bisogno di supporto politico, finanziario e militare e una volta che ci saremo sbarazzati dei terroristi, NOI vi faremo vedere cosa possiamo fare e non dimenticheremo quelli che ci hanno aiutato, essi rimarranno come amici e alleati, questo dal punto di vista politico. Per quanto riguarda me, rimarranno come parte della mia vera famiglia, miei fratelli e sorelle.

Uno dei nostri amici si era arrabbiato a vedere quelli che erano in precedenza schiavi bruciare la bandiera dei loro liberatori (e ha tutto il diritto di avere questi sentimenti), ma io ho visto il mio paese venir distrutto durante 35 anni e non sono disperato perche' ho fede che un giorno sara' ricostruito. Eppure, perche' si suppone che io sia "superman" a cui non e' mai permesso sentirsi arrabbiato, triste o frustrato?

Altri mi chiedono di dimostrare e far vedere il mio supporto alla coalizione. Certo che sono con la coalizione, ma non lo posso fare, amici miei. Sono circondato da criminali armati che non esiterebbero un minuto prima di spararmi solo perche' ho parlato, eppure io parlo, e non solo in questa pagina.

Voi, la' nel mondo libero, non potreste tertimoniare contro i criminali senza i programmi di protezione che si accordano ai testimoni. Noi non abbiamo nulla del genere. Solo poliziotti che si addestrano e sono per meta' corrotti e pochi soldati appena graduati e il sistema legale, l'abbiamo ereditato da Saddam e non e' ancora mutato ed e' lontano da essere efficiente. Perche' altri si scoraggiano cosi' facilmente? Non fraintendetemi. Sono arrabbiato ma non fuggiro' MAI come altre persone hanno fatto.

Non ero cosi' prima. Avevo paura per la maggior parte del tempo. Ho sempre mirato alla sicurezza prima di tutto. Avevo perso la fede nel mondo intero e non ero per nulla pronto a fare il minimo sacrificio per la salvezza di altri. Cercavo di abbandonare il mio paese per cercare un mestiere migliore in un luogo tranquillo, MA, i coraggiosi soldati (che non hanno azioni nell'Halliburton o nella Bechtel) che hanno attraversato mari e oceani e sono venuti nel mio paese per combattere per la nostra liberta' - e nessuno osi affermare il contrario - perche' ho incontrato cosi' tanti di questi soldati e ho ricevuto centinaia di lettere da loro e dalle loro famiglie e conosco i loro motivi, combattono per la salvezza del loro paese e per la nostra liberta' e sono orgogliosi di quello che stanno facendo, mi hanno donato la fede e mostrato che non si deve pensare solo a se' stessi, la propria famiglia e il proprio paese, queste cose non sono sufficienti per fare un essere umano. Questi ragazzi sono MOLTO migliori di me perche' io devo combattere per il mio problema e loro combattono per me. Meritano il rispetto del mondo e cosi' le persone che li appoggiano. Mi danno speranza per andare avanti, non importa quanto difficile appaia.

Penso che dovro' saltare la celebrazione del mio compleanno quest'anno, ma questo non mi rendera' meno determinato di prima e so che, anche se altri paesi si ritireranno dall'Iraq, noi avremo sempre dalla nostra parte le nazioni piu' forti e piu' grandi, il meraviglioso popolo degli Stati Uniti d'America, insieme alla Gran Bretagna, l'Italia, il Giappone e il resto delle forze della coalizione. Vi dobbiamo molto e io prego e sono sicuro che un giorno saremo in grado di restituirvi alcuni dei vostri favori e parlo delle persone e non dei politici, sebbene io non nego ad essi il credito che meritano per star facendo il loro lavoro al meglio. Quando quel giorno finalmente verra', saprete per certo che i grandi sforzi e sacrifici che avete fatto non saranno stati vani.

Mohammed
http://iraqthemodel.blogspot.com


   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Incorniciato A routine day in Iraq 
-----------------------------------------
Vai a:

Pagina Caricata in :3,36
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page