Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version
Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"
'


 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 4 Favole e Racconti / Tales - Galleria artistica
 Pane
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
riccardo resconi
Senatore


Italy
303 Inseriti
102 Gold
308 Punti Rep.
Inserito - 11/04/2009 :  16:03:28  Mostra Profilo Invia un Messaggio Privato a riccardo resconi

Pane

Maria Antonietta quando pronunciò la famosa frase -“il popolo non ha da mangiare? Dategli le brioche.
Anche nel dire ciò fu molto superficiale.
La sofferenza del suo popolo venne maggiormente acuita dalla sua indifferenza.

Dopo qualche secolo ancora oggi, chi non ha pane muore.
Questo scritto non vuole assolutamente trattare dei rapporti tra la gente ed il pane, ma vuole essere una riflessione personale su di un cibo che offre nutrimento ma anche poesia.

Una poesia che nasce non solo nel sentire la musicalità dei vari idiomi regionali, ma anche nel fascino antico che rimane sopito, ma che esiste.
Una poesia che trabocca nel sentire il suo profumo, e nel vedere sue forme.

Ritengo che possa dare spunto a scrittori, di creare con la fantasia racconti,favole e qualsivoglia narrazione.
Non tralasciamo anche la semplicità della sua realizzazione con farina,acqua,sale,lievito e la giusta cottura.
Vi e’ inoltre la cura dell’artigiano, che crea prima di tutto un capolavoro visivo,olfattivo e gustativo.
Alimento unico ed essenziale suo nel genere.
Un riscontro lo si ha nel vedere i volti di coloro che strappano con le mani quel pane,in un rapporto molto intimo tra uomo e Dio.

L’ambientazione è una comune cittadina del centro Italia.
Un lui e una lei.
Entrambi insegnanti in pensione che si sono dedicati una settimana di vacanza.
La prima sistemazione in casa e la necessità di riempire il frigo e la madia con del cibo.
Si esce.

Si evita il grande supermercato.
Troppe macchine, troppa gente.
Vogliono qualcosa di diverso.
Il contatto con la gente che è ormai venuto a mancare.
Un nome da potere pronunciare quando gli si chiede l’aglio o le patate.
Una figura famigliare,possente,quando con da fare da chirurgo taglia le fettine di lombo per gli involtini.

Il potersi raccontare e sentire le storie degli altri, per sentirsi ancora far parte della gente.
Vivi.
Nessuna corsia,solo pochi metri quadri dove si ha difficoltà a girare anche solo con un cestino.
Mancava solo il pane.
Clara e Stefano si davano la mano.
Dopo così tanti anni nulla era mutato.
Si amavano ancora come anni fa,quando Stefano la conquistò menzionando i versi di Garcia Lorca, in piedi sulla sedia del bar centrale ad Arezzo.
Eccolo il negozio.

La Casa del Pane.
Il proprietario, un egiziano,era stato uno dei primi immigrati degli anni ’80.
Parlava un italiano fluente e aveva una chiacchiera infinita.
Era conosciuto in zona ma penso anche oltre confine ,riguardo la conoscenza sul pane.Era lui stesso un panificatore.
Tutti i ripiani erano colmi di pani,uno diverso dall’altro.
Ma quello che attrasse la loro attenzione furono i nomi.
L’elenco che fu stilato da Stefano al ritorno a casa lo espongo come lui lo scrisse.
Frettolosamente,con lo scopo di non dimenticare nessuno dei nomi.

20 marzo 08
Clara ed io nel negozio di pane.

Pane di cappella,mescuotte,u’ ficcilatidd,cicenielli,cafone,miseria.

Biga,ciappe,sciappa,brazzadela,luvadel,strabella,ungaracci,giaco,paisanotte duì druent.

Pudica,titilla,polifemo,cavazzas,cum belda,mafarda,papalina,pane cavallo,schiacciata di Aladino.

Pane di struttura,Ambrogino,trionfi,zoccoletti,rucculo,panarella,
pane con la giuggiullena,pane di pellegrina.

Pane di saragolla,pagnotte santa chiara,tortano,micha,grissa,gavasot,biova,pettola,tarallo.

Risero tutta sera ,nel solo pronunciare alcuni di questi nomi.
Nella loro lettura intravidero anche emozioni del passato.
Ogni singolo nome leggendolo dava adito a fantasie.
Ma questo è quello che compirà chi leggerà questo breve racconto.
Racconto che ricordo esserci per due ben validi motivi.
Adoro anche io il pane.
Il secondo e’ semplice ..
Grazie nonni.

patapump

   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Incorniciato U' Suonno
Tema Incorniciato Colori
Tema L'attrice
Tema Incorniciato Il Lenzuolo
Tema Incorniciato Il Volto
Tema Incorniciato Il Cammello
Tema Breve news & old su di me
Tema Incorniciato U’ cuntastorie (Il cantastorie) 
Tema Incorniciato La corriera 23.
Tema Incorniciato Tango
Tema Incorniciato La scogliera
Tema Incorniciato Sensazioni di una sera
Tema Incorniciato Il Grido
Tema Incorniciato Il foglio bianco.
Tema Incorniciato Il pesciolino ed il pellicano 
Tema Incorniciato Il negozio di orologi.
Tema Incorniciato Ernesta strega maldestra
Tema Incorniciato Chiedimi la Luna
Tema Incorniciato Pane
Tema Incorniciato La Giostra.
-----------------------------------------
Vai a:

Pagina Caricata in :8,60
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page