Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version

Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"
'

'
' '
 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 4 Favole e Racconti / Tales - Galleria artistica
 Il Cammello
Condividi
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
riccardo resconi
Senatore


Italy
290 Inseriti
102 Gold
295 Punti Rep.
Inserito - 28/02/2009 :  12:26:11  Mostra Profilo Invia un Messaggio Privato a riccardo resconi
Il cammello

Quel mese di maggio era veramente torrido.
Erano le prime ore del pomeriggio e nel mercato i turisti avevano lasciato posto ai cani e ai gatti randagi in cerca di qualche avanzo di cibo.
Gli affari di quella mattina erano andati piuttosto bene. Dall’ultima nave erano sbarcate diverse centinaia di turisti che avevano letteralmente svuotato i negozi.
L’impressione comune fu quella che il turista dovesse dimostrare al suo ritorno che possedeva almeno un ricordo ,testimonianza del passaggio a Marrakech.

Il mio nome e’ Jassin. Ho 72 anni.
Faccio commercio da tanti di quegli anni, che esattamente non ricordo come abbia iniziato a farlo.
Questo lavoro dà da vivere dignitosamente a tutta la mia famiglia. Siamo in sette.
Sono vedovo da cinque anni, ma ho due figlie, due generi e due nipoti.
La mia povera moglie mi manca molto, ma sento che nei momenti difficili lei mi è accanto.
Vedete, quella nella foto è lei. Bella vero?

Il souk è una tappa sempre curata dagli organizzatori dei tours.
In esso il crogiolo di odori, sapori, colori, voci è così intenso, che percorrerlo nella sua interezza fa girare la testa per un bel po’ di ore, soprattutto allo straniero.
Il negozio di abiti tipici (paradiso delle donne),è spesso accanto a quello del macellaio, dove polli per niente soddisfatti penzolano a testa in giù.
Le spezie nei banchi (Baharat) accuratamente suddivise, mostrano un arcobaleno di rara bellezza.
I mercanti decantano la qualità della loro mercanzia in un altalenarsi di toni accesi e melodiosi.
I banchi di frutta e verdura ospitano di tutto.
I venditori di Kafta, spiedini di carne cotti sulla carbonella, alimentano odori che penetrano nelle narici con insistenza, mitigati dal Kamareddine,un nettare di albicocca che viene spalmato su pane.
Nella Medina è tutto così sorprendente che si ha l’impressione di essere tornati indietro nel tempo cinquanta, cento, mille anni.
I minareti intorno si ergono maestosi con le loro decorazioni arabescate, mentre le case diroccate della città vecchia offrono un’immagine unica.

Terminato l’andirivieni di gente, ero solito nel pomeriggio dopo mangiato, concedere riposo alle mie vecchie ossa.
Quella mattina non fu una mattina qualunque, e qualcosa, o meglio qualcuno, attrasse la mia attenzione.
Un ragazzino americano con fare spavaldo volle acquistare un animaletto che era esposto nel ripiano più alto dello scaffale, indicandolo con il suo minuto dito.
Era l’imitazione di un cammello di dimensioni contenute e con il pelo ormai impolverato.
La mancanza della mia povera moglie si vedeva proprio in queste cose.
Non ricordavo più di averne: ormai non era neanche più richiesto dai clienti.
La scelta di quell’oggetto turbò il resto della mia giornata.

Come dicevo poco innanzi, chiuso il negozio, mi ritiravo dietro la bottega sdraiandomi su un materasso logoro ,che solo la mia pigrizia non mi faceva sostituire.
Presto i miei occhi si chiusero e la mia mente viaggiò indietro nel tempo in un vortice impetuoso che nulla poteva arrestare.
Mi comparve un bambino che scandiva numeri a ritroso, in una sorta di gioco del nascondino.
Il resto dei miei amici prontamente stavano nascondendosi nei posti più incredibili.
Lo sbirciare tra le sue dita aveva però permesso di individuarli quasi tutti.
Non era corretto quello che aveva fatto...e sorrisi.
Mi alzai scrollandomi la polvere di dosso e mi toccai il corpo e il volto con le mani.
Mi rividi bambino.
La sguardo percorreva in lungo e in largo ciò che avevo già vissuto.
Le facce dei miei amici erano ben distinte, e le strade della vecchia Marrakech non erano poi così diverse da quelle di oggi.
Oh, che momenti di spensieratezza e che brividi percorrevano il mio corpo.
Di qualunque cosa si trattasse, sensazione, deja vu, mi ci volevo aggrappare con tutto me stesso, come fa la nave che attracca al molo del porto antico gettando l’ancora.

Omar,il mio miglior amico,era proprio lì davanti a me.
Con la sua fionda era infallibile.
Quando si andava a caccia di lucertole, la sua era caccia grossa, tornava sempre con almeno dodici esemplari infilzati su un rametto.
La mia, più che caccia era una ricerca. Oltre a non aver mira non avevo fortuna. Ma lasciamo perdere.
Io e Omar non eravamo mai a casa.Sempre in giro a bighellonare: una volta a caccia, una volta a rubare dai banchi della frutta quei profumatissimi datteri di cui eravamo ghiotti, altre volte a trovare il vecchio Assid...
...Mi ritrovai con Omar nella una catapecchia del vecchio mercante.
Questi non si era mai sposato, viveva di piccole cose, e tutte le sere ringraziava Allah che gli aveva permesso di vivere ancora un giorno.
Il vecchio era anche proprietario di un cammello, di nome Assan.
Viveva in un recinto da solo. Una volta aiutava Assid nel lavoro trasportando mercanzie nei paesi intorno.
Ora i suoi occhi esprimevano solo una richiesta di tranquillità e di poter morire in pace senza tribolamento alcuno.
Omar non guardò bene quegli occhi, ma io sì.
Ne fui colpito,e da quel giorno passai spesso a trovarlo portandogli del cibo che recuperavo dai miei giri turistici nei mercati.
Il cammello era molto ghiotto di datteri, e questa nostra reciproca goloseria mi permise di avvicinarlo: gli offrivo direttamente dalla mano i frutti e gli accarezzavo il muso.
Non disdegnava affatto le mie carezze ,visto che nel corso della sua vita,la più carina delle manifestazioni di Assid era stata quella di spronarlo con il frustino.

Noi ragazzi,oltre giocare nella città antica, a volte ci sfidavamo.
Vere e proprie prove di coraggio.Alcune volte consistevano nel rubare dai banchi del mercato,altre di lanciarsi a capofitto lungo strade scoscese con improvvisati monopattini e alcun freno in dotazione.
Un giorno la sfida fu lanciata anche a me,sfida che consisteva nell’attraversare a piedi la vicina oasi di Sharh El Salam,e percorrerla tutta nel minor tempo possibile.
Questa richiesta avrebbe spaventato a morte anche un adulto in quanto le storie che si narravano su quella oasi non erano tranquillizzanti.
Chi ne era entrato, non ne era più uscito vivo da poterlo raccontare.
Nonostante questi timori, accettai.
Omar mi supplicò di non andare,ma il mio orgoglio sopravalicava la razionalità.
In prossimità dell’oasi ,invocai la benedizione di Allah su di me e mestamente come fa un buon musulmano nella moschea , entrai.
La vegetazione era rigogliosa e l’umidità altissima.
Palme imponenti erano tutte introno a me e diverse specie di uccelli avevano dimora in quel luogo.
I fiori.
Si,i fiori avevano petali sorprendentemente larghi ed il loro pistillo enorme.
Giunto al centro dell’oasi ed trascorso diverso tempo dal mio ingresso ,mi imbattei in una pozza d’acqua piuttosto grande.
La sete era tanta.
Cosi,dopo essermi messo in ginocchio e aiutandomi con entrambi le mani iniziai a bere.
La fortuna non volle assistermi.Mi sporsi troppo e caddi in acqua.
La melma che ricopriva il fondo fece il resto.Il mio corpo iniziò a sprofondare,lentamente,sempre di più,fino a coprirmi il volto.
Avevo perso le speranze ormai e le urla lanciate non avevano avuto esito.
Le braccia erano ancora per poco fuori.
Ad un tratto senti flebilmente tra le mia dita ,delle briglie.
Mi aggrappai a loro con tutta la forza della disperazione.
Il resto lo fece Assan.
Si proprio lui.Il mio vecchio, amico cammello.
Era scappato dal recinto, che fortuitamente era stato mal chiuso da Assid e mi aveva seguito.
La mia vita fu salva grazie a quell’animale.

Mi risvegliai da quel sonnellino pomeridiano,ma spossato come dopo un lungo viaggio.
Alzandomi bevvi dell’acqua dalla brocca e mi diressi verso la porta del retrobottega.
Li una tomba con impresse solo poche parole.
Ad Assan.
Un amico che salvò la mia vita.
ALLAH ti benedica


patapump

   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Incorniciato U' Suonno
Tema Incorniciato Colori
Tema L'attrice
Tema Incorniciato Il Lenzuolo
Tema Incorniciato Il Volto
Tema Incorniciato Il Cammello
Tema Breve news & old su di me
Tema Incorniciato U’ cuntastorie (Il cantastorie) 
Tema Incorniciato La corriera 23.
Tema Incorniciato Tango
Tema Incorniciato La scogliera
Tema Incorniciato Sensazioni di una sera
Tema Incorniciato Il Grido
Tema Incorniciato Il foglio bianco.
Tema Incorniciato Il pesciolino ed il pellicano 
Tema Incorniciato Il negozio di orologi.
Tema Incorniciato Ernesta strega maldestra
Tema Incorniciato Chiedimi la Luna
Tema Incorniciato Pane
Tema Incorniciato La Giostra.
-----------------------------------------
Condividi
Vai a:

Pagina Caricata in :7,41
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page