Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version
Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"



 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 5 Poesie / Poetry - Galleria artistica
 Dopo la birra il vuoto
Condividi
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
Fabrizio Sgandurra
Esploratore



9 Inseriti
104 Gold
14 Punti Rep.
Inserito - 29/10/2004 :  23:14:55  Mostra Profilo Invia un Messaggio Privato a Fabrizio Sgandurra
Dopo la birra,
dopo le tue parole,
dopo le preghiere che mi hai fatto da vera madre,
tutto e' uguale a prima.
Perche' nulla cambia,
mentre ti guardo,
mi scende la birra nell'esofago
e tu mi fai vedere le lastre dell'ospedale,
di malattia in malattia,
non ti ascolto,
ti guardo e vedo
lo scheletro di poi.
Perche' tutto e' vuoto, dentro di me.
Perche' i calzini,
me li metto da solo,
perche' le sigarette
le ho gettate da un mese,
perche' la bicicletta non mi serve piu',
come la macchina,
come le scarpe,
come i vestiti,
come i libri,
come l'orologio.

STO' fermo,
mentre mi parli
e mi tocchi i capelli corti e unti di sudore,
il mondo va' avanti.
Accendi pure la luce,
da vera madre,
ma io vedo bene al buio,
mentre c'e' silenzio e fuori ci sono le mie paure,
di partire per sempre.
Come le bottiglie bevute stasera,
come i tuoi ricordi,
mentre piangi papa',
mentre piangi me,
che non ti ascolto,
che sto da solo, senza amici, senza moglie,
senza la bimba,
senza soldi, senza piu' lavoro,
senza piu' un canale da memorizzare alla tivu',
sono uno scheletro.

Ciao mamma, parto domani, solita camicia,
anfibi di dieci anni fa.
Ciao mamma vado via da solo,
alla ricerca del medico,
alla ricerca di un'altra bottiglia di birra,
quelle piccole , piccole, piccole, piccole..

Tanto tutto e' vuoto,
tanto il sole e' caldo lo stesso,
tanto le rette parallele
non
si
incontrano mai,
sempre vicine vicine, mai mai,
mai mi innamorero' piu' di nessuna.
Mai piu' il mio letto aspettera'
piedi da scaldare,
solo le mie foto,
solo le mie foto,
ti lascero' mamma,
ora devo andare,
e' tardi.

   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
 
 Nessun Tema...
 
-----------------------------------------
Condividi
Vai a:

Pagina Caricata in :0,63
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page