Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version

Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"
'

'
' '
 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 4 Favole e Racconti / Tales - Galleria artistica
 L'incidente
Condividi
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
luisa camponesco
Curatore


Italy
1907 Inseriti
385 Gold
2262 Punti Rep.
Inserito - 19/10/2003 :  12:32:04  Mostra Profilo  Visita la Homepage di luisa camponesco Invia un Messaggio Privato a luisa camponesco

Silvia si stava preparando ad uscire e a trascorrere una bella giornata con gli amici. Avevano infatti deciso di andare al lago, guardò l'ora, era un in pò in ritardo all'appuntamento, salutò i genitori, prese le chiavi della macchina e via pronta a partire.
Arrivò al luogo dell'incontro, salutò tutti e si presentarono anche i nuovi arrivati, le auto erano in tutto tre. Silvia non conoscendo bene la strada decise di restare in coda , messi a punto gli ultimi dettagli tutti in macchina con l'allegria di chi vuol pregustare un giorno diverso. Erano le 9 del due di agosto, Silvia tenendo sempre d'occhio la macchina che la precedeva, chiacchierava con i suoi passeggeri, qualche battuta, qualche risata e suonate di clacson.
Tutto procedeva per il meglio, gli amici mantennero la promessa, andavano adagio e lei poteva seguirli senza difficoltà.
Sul rettilineo le auto aumentarono la velocità quasi senza accorgersene, anche Silvia accelerò, l'autotreno con rimorchio era lento e la strada era larga, le due auto davanti iniziarono il sorpasso e Silvia si mise nella loro scia. Era all'alteza del rimorchio quando si accorse che nella corsia opposta un'altra vettura aveva iniziato un sorpasso, le due auto che la precedevano riuscirono a superare il mezzo pesante ma lei no, il rimorchio le impediva di rientrare, l'impatto frontale fù inevitabile.
Non semtì nulla , nè il rumore dello scontro nè le urla dei compagni, si trovò all'improvviso in un luogo buio a galleggiare come all'interno di una bolla. Non era un buio spaventoso, al contrario, era riposante, era silenzioso, percepiva i rumori della vita come se fossero al di là di una porta chiusa, non le importava cosa stesse succedendo, lei era in pace, era tranquilla si sentiva finalmente al sicuro.
Il buio all'improvviso si squarciò per ritrovarsi in un mondo di luce. La luce proveniva da ogni direzione, non aveva mai visto nulla di simile e di più bello, quello era un posto fatto apposta per lei ne era sicura. Sullo sfondo di quel paesaggio incantato un gruppo di persone parevano discorrere fra loro, non si udivano suoni di voci eppure si capivano. Silvia alzò un braccio per richiamare la loro attenzione.
- ehiii sono qua! - si girarono e le sorrisero, erano bellissimi, i volti raggianti riflettevano lo splendore di un sole incredibile. Silvia cercò di avvicinarsi, faceva fatica a muoversi eppure non vedeva ostacoli. Camminò per un pò ma le sembrava di non raggiugerli mai, poi dovette fermarsi, una strana linea si frapponeva fra lei e loro. Il gruppo di persone incominciò ad allontanarsi intonando un canto dolcissimo, Silvia si mise ad urlare.
- aspettatemiii, non lasciatemi qui
A questo punto una delle persone si girò e si diresse verso di lei. Arrivò al margine di quella linea senza oltrepassarla.
- non puoi venire con noi, devi tornare indietro, il tuo tempo non è ancora finito.
.............Si sentì dondolare e una voce:
- non si spaventi, adesso le abbassiamo lo schienale e la tiriamo fuori, stia calma va tutto bene.
Un colpo secco e lo schienale si abbassò, qualcuno le teneva il capo e due mani la presero sotto le ascella, si sentì sfilare fuori.
Non aprì gli occhi, non era necessario, aveva solo voglia di piangere, aveva perduto il suo paradiso.
L'ambulanza a sirene spiegate attraversò la città, erano le 9,45 del due di agosto . Durante il tragitto una voce le parlava e la confortava stringendole la mano fino all'arrivo in ospedale, ma Silvia non volle mai aprire gli occhi.
Al pronto soccorso molta gente si affannò attorno a lei, poi una voce calma e pacata:
- portatela in chirurgia, controlliamo se ci sono eventuali lesioni interne o fratture, comunque io la faccia di questa ragazza non la tocco chiamate qualcuno della maxilo.
Il tempo trascorse lento, lei era stata suturata e radiografata, le parlavano , lei rispondeva ma non apriva gli occhi. Temeva che aprendoli perdesse per sempre il ricordo del mondo meravigliso che aveva sfiorato, poi avvertì una presenza familiare che le accarezzava le mani, la chiamava per nome. Aprì gli occhi per incontrare quelli di suo padre pieni di lacrime, il volto teso da quel dolore che può darti solo la paura di perdere chi ami.
- sono così brutta papà?
- tu per me sarai sempre bellissima.
Si rese finalmente conto di essere viva e delle cose che avrebbe potuto ancora fare, la gioia di questa consapevolezza prese il sopravvento. Aveva avuto una seconda possibilità, era stata sulla linea di frontiera ed era tornata, non a tutti era concesso questo, girò il capo e vide sua madre con le mani contratte, poi un dubbio atroce:
- è morto qualcuno?
- non tesoro non è morto nessuno.
Arrivò un infermiere:
- adesso questa signorina viene con me - e cominciò a spingere il lettino - lo sà signorina lei ha il più bel ricamo facciale di tutto l'ospedale, si è già sparsa la voce, avrà un sacco di visite.
Silvia avrebbe voluto ridere se avesse potuto, ma chiuse nuovamente gli occhi e questa volta solo per pregare.

   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Dopo il temporale
Tema Incorniciato Avventura in alto mare 
Tema Incorniciato Mamma
Tema Password errata
Tema Incorniciato Pianeta K 
Tema Incorniciato Sarà stato....
Tema Incorniciato Regressione 
Tema E' RICOMINCIATA LA SCUOLA
Tema AI CONCERTISTI CON LA TESTA BASSA
Tema Giochi in filastrocca
Tema La faccia su Marte
Tema Crema di arance
Tema Buon inizio di scuola
Tema L'auto a microonde
Tema Incorniciato Il potere della spada 
Tema Un angioletto piccino piccino 
Tema Ma oggi non è... il compleanno del dittatore?
Tema Incorniciato Sulle note di un vecchio refrain 
Tema e dire che è così semplice...
Tema Incorniciato Vi presento un poeta
-----------------------------------------
Condividi
Vai a:

Pagina Caricata in :7,14
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page