Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version
Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"
'


 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
%>  
 tutti i Forum
 6 Musica e Canzoni
 chiacchiere nel foyer
Condividi
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
Elena Fiorentini
Curatore


Italy
5099 Inseriti
551 Gold
5196 Punti Rep.
Inserito - 09/06/2003 :  18:50:40  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Elena Fiorentini  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Elena Fiorentini
Chiacchiere nel foyer.
Una grande lezione di canto ci ha offerto l’altra sera per i concerti di Palazzo Reale a Milano il soprano Laura Muncaciu accompagnata al pianoforte dal maestro Alessandro Petrolati.
Apriva la prima parte con un’aria di Dèlibes “Où va la belle Hindou” , dall’opera “Lakmé “, brano conosciuto e amato dagli ammiratori della grande Maria Callas, che l’ aveva nel suo repertorio.
Seguivano quattro brani di Gioacchino Rossini, dai pezzi delle Soirées musicales” a Parigi, quando aveva smesso di scrivere opere liriche.
Un brano di Gaetano Donizetti “Regnava nel silenzio” chiudeva il primo tempo.

Mentre i nostri due musicisti si ristorano per alcuni minuti, dirò alcune parole sulla scrittura rossiniana.

Rossini non interrompe la tradizione, o moda che dir si voglia, che si era venuta formando nei secoli precedenti: il belcanto.
Stile stilizzato che esprime i sentimenti nelle arie con le melodie spianate, basate sul legato perfetto dei suoni, e nelle arie di coloritura, basate sulla abbondanza di abbellimenti,trilli, vocalità spericolatissime nelle tessiture acute o gravi .
Il bel canto di Rossini usa la coloritura come elemento fondamentale per caratterizzare i personaggi nelle opere del suo teatro musicale [opere liriche].
Non era ancora il cinema, mancano gli effetti, i primi piani della nuova tecnologia , come impressionare lo spettatore? Il deus ex-machina ad esempio, viene a salvare, scendendo da un ponteggio legato ad un cavo, la situazione; dal punto di vista musicale con le abilità: l’acuto, la cadenza, il suono filato ....

Non posso dire troppe altre cose perché i nostri artisti sono rientrati e parlare dei rapporti musica-teatro e musica –personaggio comporterebbe la lettura di qualche grosso librone e l’ascolto di parecchi giorni di musica, perciò rientriamo in sala e ci prepariamo a seguire la seconda parte della nostra serata.

Altri brani di coloritura ci attendono nel secondo tempo: La difficilissima aria di Wolfgang A. Mozart, “Come scoglio” dall’opera “Così fan tutte”, poi di nuovo nell’Ottocento troviamo il pre-romantico Gaetano Donizetti con “O luce di quest’anima” dall’opera “Linda di Chamonix” e
per concludere il brano di G. Verdi dall’opera I Vespri Siciliani, “Mercè dilette amiche”, in cui la voce deve lavorare per esprimere la drammaticità e non c’è nessuna condiscendenza da parte dell’autore alle difficoltà.

Alcune parole anche su questa parte di programma.

Con l’avvento del Romanticismo in Italia abbiamo uno sfrondamento dei melismi nella scrittura vocale allo scopo di avvicinarsi il più possibile al linguaggio reale.
Un’altra particolarità è data dal rapporto tra timbri vocali e ruoli, quindi la scelta del timbro è legata al personaggio, alla sua età e alla funzione che ha nel dramma che si svolge in palcoscenico.
Il soprano, ancora in epoca romantica, resta legato al personaggio idealizzato che simboleggia la purezza di sentimenti, senso dell’onore.
Ecco la Gilda dell’opera Rigoletto, con il suo “Caro nome” , di grande agilità, mentre Rigoletto, baritono, il padre verdiano, canta disperatamente “Marullo, Signore,… ridate a me la figlia,…”
Ecco la distinzione del tipo di vocalità in base ai ruoli.
ragazzi, la cantante, festeggiatissima, ci offre un bis, ma….che è?
Puccini! O mio babbino caro. E’ un’altra vocalità, che dolcezza, che interpretazione! e altri due pezzi dello stesso genere. Particolarmente interessante il brano, un valzer dalla "Rondine" operetta di Giacomo Puccini, che ha conosciuto alterne fortune.
Ma non aveva esordito come cantante di coloritura?
Non mi resta che intervistarla
Complimenti,ma com’è questa storia? Noi ci aspettavamo una soprano leggera di agilità.

Laura: sono nata come soprano leggera, ho un vasto repertorio in questo senso, ma , vedete, dopo tutto quel cantare ha voglia ancora di chiacchierare con noi, dopo la nascita della mia bambina , mi sono ritrovata una voce pucciniana e anche verdiana aggiungo io.
Quanti anni ha la bimba?
Ha undici mesi, ora si trova a casa , a Cagli in provincia di pesaro. Io sono Rumena, nata nel 1973 a Clui-Napoca, in Romania. Mi sono laureata in lettere, ho un diploma in canto e recitazione e ho studiato con i maestri Mario Melani e Nadia Belelli.
Ora vivo in Italia.
Se non sbaglio lei ha cantato più di quello che viene chiesto ad una cantnte nella realizzazione di un opera
E' vero ,in un'opera non ci sono più di tre arie, due duetti, e alcuni concertati che non danno problemi.Io ho cantato molto di più e questo è il quarto concerto del mese di maggio. Quattro concerti con quattro programmi diversi.
ancora complimenti!

Notizie sui due artisti, bravissimo anche il Maestro Petrolati, si possono leggere nel sito www.musikando.it

Un musicalkiss a tutti

Elena Fiorentini
E.F.


Edited by - Elena Fiorentini on 29/07/2004 13:23:03

Beppe Andrianò
Amministratore


Italy
2290 Inseriti
285 Gold
1920 Punti Rep.
Inserito - 09/06/2003 :  21:20:22  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Beppe Andrianò  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Beppe Andrianò
Elena, grazie grazie grazie.
Sai descrivere questi eventi come se dipingessi un quadro, pennellando di particolari sempre interessanti e curiosi.. stimolando continuamente la voglia d'approfondire. Sicuramente anche se non siamo potuti essere a quest'importante appuntamento tu ci hai fatto percepire l'atmosfera che vi si respirava.. grazie ancora.

Un altro grosso grazie agli organizzatori di queste serate.. devo dire che Musikando si è rivelata per una serissima organizzazione in grado di creare eventi dal forte impatto emozionale e dall'altissima levatura tecnica.

Tra l'altro vi consiglio una visita al loro nuovissimo sito.. molto ben fatto e pieno di utili informazioni sui prossimi appuntamenti.

Ciao,
beppe


Beppe AndrianòVai a Inizio Pagina

   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema ALICE II: Il ritorno.
Tema Gli onomastici - Carmen ed Eloisa
Tema Scuole medie a indirizzo musicale e licei
Tema Progetto disegno - Federico e Angelica
Tema Progetto disegno - Il mondo di Veronica
Tema una mia piccola gioia
Tema Avvistamento
Tema MILANO 17/18 sett. Musica Rara
Tema I faccioni di don Rutilio - foto
Tema Carmen is Here...
Tema La scuola
Tema La felicità di un pinguino
Tema CINETECA: Tutti a casa
Tema Ripresa dell'anno scolastico 05-06
Tema A tavola con A. Manzoni - un menu particolare
Tema Qualche parola sul Tibet
Tema Dai titoli del TG2 (Rai)
Tema Storie milanesi - la generosità
Tema Progetto Life Ursus
Tema Incorniciato Milano, 11 settembre 2005
-----------------------------------------
Condividi
Vai a:

Pagina Caricata in :13,69
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page