Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version



 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 4 Favole e Racconti / Tales - Galleria artistica
 TRE NOTE DI FLICORNO
Condividi
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
lori
Viaggiatore



19 Inseriti
100 Gold
24 Punti Rep.
Inserito - 23/03/2003 :  22:34:10  Mostra Profilo  Visita la Homepage di lori Invia un Messaggio Privato a lori

TRE NOTE DI FLICORNO

Scendere in cantina da solo era stata una prova di coraggio. In minima parte perché era vietato dal babbo e in gran parte perché aveva una paura cane. Non l’avrebbe mai ammesso con nessuno di avere paura a scendere giù da solo ma evitava sempre di farlo. Quell’impicciona di sua sorella aveva capito qualcosa e lo prendeva in giro, ma lui negava con tutta la sua forza “ Non ci vado perché non ho voglia!!!” urlava con arroganza. Meglio essere prepotente e sfaticato che fifone, questa era la filosofia di Tommaso. Sollevare la pesante anta del baule con il rischio di schiacciarsi le dita fu un’ulteriore prova.” Piccolo ma forte!” sghignazzava mettendo sotto nella lotta la sorellona impicciona. Ed anche con il baule ebbe la meglio, riuscì ad aprirlo e ad appoggiare l’anta al muro senza fare il minimo rumore. Sembrava il baule dei pirati, due maniglioni di ferro ai lati e le serrature di ferro sul davanti. Che si era perso a non scendere mai in cantina! Diede inizio alla scoperta dei tesori, ammucchiando tutto intorno a lui. Scatole di lettere, vecchi vestiti, un pupazzo strapazzato e senza faccia, vecchie riviste legate con una corda, una specie di cappello nero da carabiniere …..per ora niente di interessante. Solo il baule appartenuto a chissà chi pirata e tanta polvere che gli imbiancava i vestiti e gli solleticava il naso. Così si sarebbe preso anche uno scapaccione per essersi impolverato tutto, la mamma diceva che non faceva altro che lavare i suoi panni. Mica era vero, c’era la lavatrice!
Le sue manine toccarono qualcosa che al tatto sembrava diversa dai cenci e dalla cartaccia tirata fuori fin’ora. Era una cosa fredda e dura. Tommaso cominciò a pregustare la sorpresa e velocemente tirò fuori il suo bottino. Era una tromba. Ma non una tromba di quelle di cartone del carnevale e nemmeno quelle di plastica che vendono alla fiera. Era una tromba vera. Era tutta ammaccata e il colore d’oro era quasi scomparso lasciando il posto a delle macchie arancione, tanti foruncoli tra le ammaccature. Era del nonno, ora Tommaso ricordava. La nonna gli aveva raccontato che suonava nella banda. Il cappello! Non era da carabiniere, era il cappello della sua divisa. Lo recuperò e se lo mise in testa , ma questo scivolò inesorabilmente fino al naso. Tommaso se lo tirò su e riuscì a farlo stare in equilibrio sulla sua piccola testa. La nonna non parlava di tromba, si chiamava in un altro modo. Un nome strano che non riusciva a ricordare. Riprese in mano lo strumento guardando dentro la campana come se fosse un binocolo. Era un nome che assomigliava al rinoceronte…… CORNO!!! Ecco come si chiamava, anzi flicorno. Nonna Livia gli aveva raccontato con orgoglio che tutti dicevano al nonno Tommaso ( si chiamava come lui) “ Maso come suoni bene la tromba!!” e lui rispondeva “Ignoranti, questo è un flicorno non una tromba!!”
Tommaso alzò lo strumento mimando un suonatore. Ma mancavano anche due tasti, e se pigiava gli facevano male i polpastrelli. Poi puzzava di muffa. Un po’ schifato ma deciso a provare, se la portò alle labbra. Uscì una pernacchia. Poi un’altra. Forse era meglio rimettere tutto a posto e salire. Il flicorno e il cappello li avrebbe portati con se, erano il suo bottino.
Non passò giorno che Tommaso non soffiasse nel suo flicorno e le pernacchie diventavano sempre meno brutte fino a quando come per miracolo uscì un suono piacevole.DOOOOO Pigiò l’unico tasto di madreperla e uscì un altro suono leggermente diverso.FAAAAAA Incurante del fastidio al dito procurato dall’altro tasto mancante , fece un ‘altra nota ancora.MIIIIIII Tre note di flicorno per oggi potevano bastare.Forse non era nato un musicista ma di sicuro un grande amore. Un amore che sarebbe durato tutta la vita.


   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
 
 Nessun Tema...
 
-----------------------------------------
Condividi
Vai a:

Pagina Caricata in :3,20
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2021 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page