Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version

Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"
'

'
' '
 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 13 MetaMagica
 La proporzionalita' dei sogni
Condividi
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
Roberto Mahlab
Amministratore



2696 Inseriti
296 Gold
2301 Punti Rep.
Inserito - 12/01/2003 :  21:13:14  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Roberto Mahlab  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Roberto Mahlab
Dall'inizio dei tempi i sogni e la loro interpetazione hanno avuto una grande importanza nel guidare le vie delle azioni umane, quale condottiero nell'antichita' non modifico' i piani di battaglia a seguito di una immagine apparsa durante il periodo di massimo riposo e chi anche ai nostri giorni non si intimorisce ricordando quanto la mente ci mostra spesso a colori nelle ore di meritata incoscienza?
E quanti eserciti poi hanno perduto la battaglia in conseguenza di una interpretazione dei sogni non riuscita e quanti anche ai nostri giorni si chiedono se un determinato sogno non fosse una premonizione che, se riconosciuta come tale, avrebbe consentito uno sviluppo differente delle situazioni?

Fino ad oggi la scienza si e' dunque interrogata sul ruolo dell'attivita' cerebrale, se un sogno comune sia solo lo specchio di un vissuto passato e se un sogno pauroso sia l'elaborazione statistica presente di probabilita' futura. E quanti sogni dimentichiamo per ricordarcene altri e perche'? pensate ad esempio che sfortuna ricordarsi al mattino di immagini notturne angosciose anziche' del numero del biglietto vincente della lotteria, pur avendo sognato entrambe le vicende.

Stasera io desidero arricchire il novero delle questioni in attesa di risposta proponendo un nuovo interrogativo causato da una esperienza di vita: esiste una proporzionalita' tra lo sviluppo culturale e il sogno possibile? Mi spiego: potro' mai io per esempio, il cui massimo sforzo letterario di intelletto e' quello di essere lettore dei fumetti di Asterix, raggiungere il livello di complessita' di sogni notturni che ha certo illuminato le notti di poeti come Lord Byron, che per pura questione di tempo non pote' leggere i fumetti di Asterix e dovette farsi una cultura con i sonetti di Shakespeare?

Tre notti orsono mi sono sognato in tuta da ginnastica di fronte a un computer di grandezza insolita e, mentre io ero intento a fare delle flessioni laterali, sullo schermo comparivano lunghe sequenze di grosse scritte in colore rosso, non riuscivo a leggerle, ma non mi davano l'impressione di essere parole particolarmente gentili.
All'improvviso l'immagine punto' sull'interno di una palestra e dallo schermo usci' il mio istruttore che con tono furente mi rimpoverava :"Ma ti sembra il modo di fare le flessioni?".

Il giorno dopo, abbastanza sconvolto, ho riportato il sogno all'istruttore e agli amici della palestra che frequento. L'istruttore non mi ha dato retta e ha iniziato a correggermi un esercizio che come al solito stavo pigramente sbagliando, uno degli amici ha invece mormorato, riferendosi al fatto che in palestra io ci vado per chiacchierare e non per fare ginnastica :"Meno male che almeno in sogno qualche esercizio lo fai".

Se invece di acculturarmi solo con Asterix io avessi letto Shakespeare, il sogno sarebbe stato differente? Avrei sognato le bianche scogliere di Dover e una divinita' greca che mi incitava a raccogliere una lancia e a gettarmi all'inseguimento della tartaruga di Achille? E da un sogno del genere avremmo potuto trarre le stesse conclusioni e interpretazioni del mio amico?

La cattedra di fenomenologia onirica dell'universita' di Concerto City mette in palio una borsa di studio per i concertisti che vorranno approfondire il nuovo spettacolare tema in una dotta tesi di laurea.

Doktor Sigismund Rob

Sigmund Freud si sveglio' di soprassalto in quell'alba dei primi giorni del novecento, gli pareva di avere avuto un sogno premonitore, un tipo vestito da guerriero gallico che gli soffiava una laurea honoris causa in una prestigiosa universita' del secolo successivo per uno studio sulla "interpretazione proporzionale dei sogni".

rossella.
Emerito


Italy
125 Inseriti
100 Gold
130 Punti Rep.
Inserito - 13/01/2003 :  17:59:32  Mostra Profilo  Visita la Homepage di rossella.  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a rossella.
Qta roba bolle in pentola....!!!!
Una corrente di pensiero legata all'interpretazione dei sogni, riassume così qllo che tu sopranzi esprimevi: TUTTO IL SOGNO E' IL SOGNATORE. Da qui si può facilmente capire come ogni personaggio che partecipa al sogno non sia altro che una parte del sognatore, un aspetto + o - meno conosciuto dell'essere stesso che nel momento del sonno-qdi di massima quiete,ma soprattutto il momento in cui i ntri meccanismi di difesa sono = a 0- trova la possibilità di esprimersi in tutta la sua pienezza, interezza e libertà.
Sono poi qti aspetti di noi stessi che ripartiti, nei vari personaggi, danno il tutt'uno che è il sognatore.
In qta teoria mi ci ritrovo molto: si impara a conoscere le varie sfaccettature in cui si mostra la personalità...e si impara -poi- qli sono i caratteri dominanti che ricorrono nelle figure del sogno militari(-comando,disciplina,senso del dovere...-; medici( assistenza,terapie,potere di guarigione..) insegnanti,terapeuti,giocolieri,maghi,avvocati, ingegneri....
Anche gli oggetti acquistano un significato x es. bauli,cassapanche,valigie(memoria,contenitori di oggetti primari,volontà di conservare...)
E'assodato che il sogno è in qche modo influenzato dalla realtà quotidiana, storica e culturale del sognatore.....mischiando il tutto esce fuori quel ricordo bello / brutto /esaltante/ devastante....che ci fa compagnia al ntro risveglio....


rossellaVai a Inizio Pagina

Aquilone senza vento.
Emerito


Italy
133 Inseriti
100 Gold
138 Punti Rep.
Inserito - 22/01/2003 :  19:57:29  Mostra Profilo  Visita la Homepage di Aquilone senza vento.  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Aquilone senza vento.
I sogni sono qualcosa di veramente suggestivo.
Io non conosco nè il pensiero di Freud, nè ho praticità con argomenti di materia psicologica,
quindi posso dirmi un profano in questo campo.
Ma spero sarà concesso anche ad un profano di darne un'interpretazione personale,
anche se questo potrà essere banale e scontata.

Per me un sogno non è che la materializzazione interiore dei nostri pensieri,
più sarà intenso un pensiero, maggiore sarà la probabilità che questo attraversi il nostro cervello durante la fase REM.
Il ricordare un sogno specifico tra i numerosi fatti durante la "fase del sonno sognante",
penso non sia altro che una questione di casualità.

Credo che ogni sogno possa per lo più approssimarsi con ego interiore dell'essere sognante.
Non credo che una ricca dose libraria possa comportare il sognare auliche imprese,
mentre una lettura non impegnativa porti a fare sogni molto ordinari,
anche se penso che la lettura spesso affascina e crea immagini coinvolgenti che -
indipendentemente dalla validità di queste - possa anche avere una influenza sui nostri sogni.

(Aquilone senza vento)Vai a Inizio Pagina

Mina
Emerito


Italy
127 Inseriti
106 Gold
132 Punti Rep.
Inserito - 23/01/2003 :  11:08:23  Mostra Profilo  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Mina
Quale ricercatrice di cotanto Ateneo Universitario,non posso astenermi dal concorrere per la borsa di studio messa in palio su tale tesi. Non possedendo però ancora un'adeguata cultura,esprimo un parere del tutto personale a proposito.
Credo che ogni nostro sogno sia la sintesi della personalità di ciascuno di noi, sulla quale si sovrappongono le nostre esperienze quotidiane.
Non è assolutamente la lettura,la cultura o il compito di algebra, che ci fanno sognare equazioni volanti o numeri famelici che cercano di divorarci,rincorrendoci per tutta la scuola,ma tutti i sentimenti,le ansie e le paure che si celano dietro di esse. Nel momento in cui c'è il sogno,quella parte della mente che di solito dominiamo con la razionalità,può esprimersi liberamente e nulla può impedirci in tale momento di correre,correre e volare......
Baci,Mina

Vai a Inizio Pagina

ophelja
Curatore


Italy
2094 Inseriti
153 Gold
2109 Punti Rep.
Inserito - 23/01/2003 :  14:29:07  Mostra Profilo  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a ophelja
I sogni svaniscono all’alba….ma, a volte, rovinano la notte .

La scena (camera da letto )
Lei , si sveglia tutta affannata e dice a lui:
“Ho sognato un principe azzurro che, al galoppo, su un bianco destriero, mi chiedeva di diventare la sua principessa per sempre”
Lui , visibilmente scosso dalla rivelazione inaspettata:
“ Andava al galoppo?”
Lei , ancora estatica:
“Si, al galoppo”
Lui, si alza di scatto e , nell’atto di vestirsi, dice a lei:
“Vestiti in fretta! Se ci sbrighiamo a prendere la macchina forse lo raggiungiamo….”

Consiglio: Non raccontate i vostri sogni al partner, scriveteli su www.concertodisogni.it


opheljaVai a Inizio Pagina

Mina
Emerito


Italy
127 Inseriti
106 Gold
132 Punti Rep.
Inserito - 23/01/2003 :  18:12:01  Mostra Profilo  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a Mina
....Posso fare una domanda?
ma se li racconto alla mia gattona,appena sveglia,perchè lei possa ricordare tutti i particolari.....va bene lo stesso?

Mi scuso con il Doktor Sigismund Rob per la divagazione sul tema della tesi.

Baci,Mina

Vai a Inizio Pagina

   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Fratelli d'Italia
Tema Calci al calcio
Tema Incorniciato L'imprevisto 
Tema Vi chiamo a testimoni
Tema Incontro
Tema Incorniciato I brividi di concerto/"Ultime notizie" 
Tema Napolitano: missioni militari ma non di guerra
Tema La causa di tutti i mali
Tema Risposte a Enzo Biagi
Tema Appello dell'UCCI
Tema Help on line/35 - Pietà per Pieton
Tema Ti senti pubblicitario? 
Tema chiedo scusa
Tema Israel Point a Milano - 30/6 e 7/7/2006
Tema Israel Point a Milano - 30/6 e 7/7/2006
Tema Svastiche e l'attacco ad Israele
Tema Incorniciato La svastica nel cuore 
Tema La guerra e la solitudine di Israele 
Tema Per Israele - Milano 18/7/2006
Tema I simboli della nuova guerra
-----------------------------------------
Condividi
Vai a:
   
     

Pagina Caricata in :21,52
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page