Concerto di Sogni
Main sponsor: Ideal Gomma Sport Sas
Think and Make It!

Remember Nassiriya : Appendete una bandiera ai vostri monitor Concert of the World: English Version
Aiutateci a rendere visibile concertodisogni premendo "Mi piace"



 Home   Elenco Autori   Forum:Elenco Argomenti   Eventi attuali e storici    Le prime pagine   Link  
Utente:
 
Password:
 
Salva password Dimenticata la password?
 
 tutti i Forum
 20 Sfumature di Vita
 Perdonami per non aver capito
Condividi
 Versione per la stampa  
Autore Tema Precedente Tema Tema Successivo  
riccardo resconi
Senatore


Italy
386 Inseriti
102 Gold
391 Punti Rep.
Inserito - 03/05/2020 :  17:49:00  Mostra Profilo  Replica con Citazione Invia un Messaggio Privato a riccardo resconi

Perdonami per non aver capito

Sono qui seduto su questa vecchia sedia di paglia
In questa cucina ormai priva di odori del cibo che cucinavi
Dentro questa casa che aveva raccolto grida di gioia e pianti senza fine
Guardo il mestolo di rame piegato
Lo avevi conservato a memoria di una testa che lo aveva saggiato
E la vecchia stufa a legna che alimentavo con rami del nostro piccolo bosco
Tutto mi ricorda di te
Gli odori e i rumori dei tuoi passi
Il profumo delle lenzuola unito al tuo
I fiori al davanzale ben ordinati
Le tue gonne lunghe che quando danzavi ruotavano creando vortici di aria
Cantavi sempre a bassa voce, quasi ti vergognassi
E guidavi in maniera davvero spericolata
Non ci dicevamo spesso “ti amo”
Ma parlavano spesso gli occhi
I tuoi erano nocciola
Cosi pieni di luce che era come naufragarci dentro
Ed il caschetto biondo ti faceva sembrare ancor più giovane
Sono qui seduto su questa vecchia sedia di paglia
Cercando una ragione di poter ancora vivere senza di te
Chiedendo un perdono
DI chi non aveva capito fino a fondo il tuo malessere
Il tuo rifiuto al cibo
La negazione alla vita e il voler essere diversa
Davanti ad uno specchio che ingannava
Tra parole che mentivano verità evidenti
Con la logica che aveva lasciato posto a giustificazioni
Che da lì a poco ti avrebbero fatto morire
Sparendo nella tua gonna larga e lasciando cadere i petali sul davanzale
Esattamente come facesti tu quel giorno
Abbandonando il tuo corpo tra le lenzuola che amavi
Tenendomi la mano e cercando di stringerla più che potevi
Ricordo ci fosse il sole
Era venuto anche lui amore, alla tua partenza
Un filo di vento mi portò ancora il tuo profumo alle narici
Forse volevi confortare me, forse solo una suggestione
Forse volevi dirmi “ti amo”


(patapump )

   
Clicca qui per la scheda generale dell'autore
Altri testi dello stesso autore
Tema Incorniciato U' Suonno
Tema Incorniciato Colori
Tema L'attrice
Tema Incorniciato Il Lenzuolo
Tema Incorniciato Il Volto
Tema Incorniciato Il Cammello
Tema Breve news & old su di me
Tema Incorniciato U’ cuntastorie (Il cantastorie) 
Tema Incorniciato La corriera 23.
Tema Incorniciato Tango
Tema Incorniciato La scogliera
Tema Incorniciato Sensazioni di una sera
Tema Incorniciato Il Grido
Tema Incorniciato Il foglio bianco.
Tema Incorniciato Il pesciolino ed il pellicano 
Tema Incorniciato Il negozio di orologi.
Tema Incorniciato Ernesta strega maldestra
Tema Incorniciato Chiedimi la Luna
Tema Incorniciato Pane
Tema Incorniciato La Giostra.
-----------------------------------------
Condividi
Vai a:

Pagina Caricata in :0,82
Imposta come tua pagina di avvio aggiungi ai favoriti Privacy Segnala Errori © 2001-2011 Concerto di Sogni - B.A. & R.M MaxWebPortal Snitz Forums Go To Top Of Page